Biden mette in guardia Netanyahu dal grande attacco di Rafa

WASHINGTON (AP) – Il pres Joe Biden Lunedì il primo ministro israeliano ha avvertito di un’emergenza Benjamin Netanyahu La spaccatura tra i due leader continua a crescere con il crescente bilancio delle vittime palestinesi in un’offensiva nella città di Rafah, nel sud di Gaza.

La telefonata tra Biden e Netanyahu è arrivata da Israele Sembrava che si stesse avvicinando Una grande operazione militare per sradicare i militanti di Hamas a Rafah – cosa che Biden e i suoi principali collaboratori hanno ripetutamente detto ai funzionari israeliani – porterebbe a più morti e aggraverebbe la frustrazione nella regione devastata dalla guerra.

Entrambi i leader si trovano ad affrontare una crescente pressione pubblica – Biden nei campus universitari e Netanyahu da parte delle famiglie di alcuni ostaggi israeliani – per un accordo di cessate il fuoco.

“Il presidente non vuole vedere alcuna azione che metta a rischio più di un milione di persone che si sono rifugiate a Rafah”, ha detto il portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby.

La Casa Bianca ha descritto la conversazione di 30 minuti dei leader come “costruttiva”. In privato, tuttavia, la preoccupazione tra i funzionari dell’amministrazione è cresciuta quando Israele lunedì ha ordinato l’evacuazione di circa 100.000 palestinesi da Rafah e ha iniziato a condurre attacchi “mirati” nel quartiere orientale della città.

I funzionari della Casa Bianca osservavano con profonda preoccupazione l’intensificarsi delle operazioni israeliane a Rafah, ma non credevano che si trattasse dell’attacco su vasta scala che Netanyahu stava minacciando, secondo una persona che ha familiarità con l’amministrazione e che non era autorizzata a commentare pubblicamente.

Più di 34.000 palestinesi sono stati uccisi nella guerra dopo l’attacco del 7 ottobre di Hamas contro Israele che ne uccise 1.200. Nello sfrontato attacco furono prese in ostaggio anche circa 250 persone.

READ  Il presidente di Packers afferma che il ritorno di Aaron Rodgers è la migliore opzione

Nel frattempo, la situazione umanitaria in gran parte di Gaza si sta deteriorando rapidamente. Il capo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, Cindy McCain, ha detto domenica che è entrato nel nord di Gaza. “carestia totale” Quasi sette mesi dopo Guerra.

Prima dell’appello dei leader, Israele ha annunciato che avrebbe iniziato a sfrattare i palestinesi da Rafah. Dopo l’ordine, Hamas ha dichiarato in un comunicato di aver accettato la proposta egiziana-qatariana di cessate il fuoco.

Il portavoce militare israeliano, il contrammiraglio Daniel Hagari, ha detto che Israele continuerà le sue operazioni a Gaza mentre i funzionari deliberavano su una proposta di cessate il fuoco approvata da Hamas. Il gabinetto di guerra israeliano ha votato all’unanimità per approvare un’operazione militare a Rafah, ma ha affermato che continuerà gli sforzi per il cessate il fuoco.

I nuovi attacchi mirati a Rafah Est sembrano mirati a mantenere la pressione su Hamas mentre i negoziati continuano.

Kirby ha detto che Biden è stato informato della risposta di Hamas di accettare l’accordo sugli ostaggi. Il direttore della CIA William Burns, che era in Qatar per i colloqui sugli ostaggi con i funzionari regionali, stava discutendo la dichiarazione di Hamas con gli alleati nella regione. Kirby ha rifiutato di discutere i parametri che Hamas afferma di aver accettato.

“Bill Burns sta esaminando questa risposta. Ne ha parlato con gli israeliani”, ha detto Kirby ai giornalisti. “Vedremo dove andrà a finire. Speriamo che quegli ostaggi portino presto alla luce la verità.

Nei giorni scorsi funzionari egiziani e di Hamas hanno affermato che il cessate il fuoco sarà mantenuto Una serie di fasi Hamas rilascerebbe gli ostaggi in cambio del ritiro delle truppe israeliane da Gaza.

READ  PPI USA, Shundo giapponese, FML cinese

Biden ha detto a Netanyahu che un cessate il fuoco con Hamas sarebbe il modo migliore per proteggere la vita degli ostaggi israeliani detenuti a Gaza. Israele afferma che Hamas tiene circa 100 ostaggi e i resti di più di altri 30 a Gaza. L’appello dei leader è arrivato prima che Hamas annunciasse la sua accettazione della proposta di cessate il fuoco.

Dopo la sua chiamata con Netanyahu, Biden ha ospitato il re giordano Abdullah II per un pranzo privato alla Casa Bianca per colloqui sulla guerra e trattative sugli ostaggi. L’ambasciata giordana a Washington ha dichiarato in un post sul sito di social media X dopo l’incontro che Abdullah aveva avvertito che l’attacco israeliano a Rafah avrebbe “portato a un nuovo massacro”.

Domenica Netanyahu ha respinto le pressioni internazionali per porre fine alla guerra a Gaza In un discorso infuocato In occasione dell’annuale Giorno della Memoria dell’Olocausto del paese, si dichiarava: “Se Israele è costretto a restare da solo, Israele resterà da solo”.

“Dico ai leader mondiali: nessuna pressione, nessuna decisione da parte di alcun forum internazionale impedirà a Israele di difendersi”, ha detto in inglese. “Mai più.”

Nella loro telefonata, Netanyahu ha detto a Biden che avrebbe assicurato che il valico di Kerem Shalom tra Gaza e Israele rimanesse aperto per le consegne di aiuti umanitari, ha detto la Casa Bianca.

Funzionari israeliani la settimana scorsa Biden ha informato i funzionari dell’amministrazione sul piano di evacuazione I civili palestinesi si trovano di fronte a una possibile mossa, secondo i funzionari statunitensi che hanno familiarità con la questione.

Il portavoce del Pentagono, il Magg. Gen. Pat Ryder, ha detto che il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha sottolineato al ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant che Israele ha bisogno di un “programma credibile”. Ryder ha detto che Austin ha visto “commenti” da parte degli israeliani sul loro piano per un’operazione a Rafah “ma nulla di dettagliato a questo punto”.

READ  Elezioni in Sierra Leone: Julius Mata Bio ha prestato giuramento come grido di battaglia dell'opposizione

___

Gli scrittori di AP Tara Cobb a Washington e Joseph Federman a Gerusalemme hanno contribuito al reportage.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *