L’attività di streaming della Disney è diventata redditizia nel suo primo rapporto finanziario dopo la sfida a Iger

The Walt Disney Company ha registrato una perdita nel secondo trimestre a causa di oneri di ristrutturazione e svalutazione, ma il suo profitto rettificato ha superato le aspettative e la sua attività di streaming è diventata redditizia. Anche i parchi a tema hanno continuato a registrare buoni risultati e la società ha migliorato le sue prospettive per l’intero anno.

Martedì Disney ha dichiarato che la sua attività complessiva di streaming si attenuerà nel trimestre in corso a causa della sua piattaforma Disney + Hotstar in India, prevedendo che le sue attività di streaming combinate saranno redditizie nel quarto trimestre e costituiranno un significativo motore di crescita futura. L’azienda, con ulteriori miglioramenti della redditività nell’anno fiscale 2025.

Il business direct-to-consumer, che comprende Disney+ e Hulu, ha registrato un utile operativo trimestrale di 47 milioni di dollari, rispetto ai 587 milioni di dollari dell’anno precedente. I ricavi sono aumentati del 13% a 5,64 miliardi di dollari.

Gli abbonati Disney+ Prime sono aumentati di oltre il 6% nel secondo trimestre.

“Guardando la nostra azienda nel suo complesso, è chiaro che le iniziative di risanamento e crescita che abbiamo messo in atto nell’ultimo anno continuano a produrre risultati positivi”, ha affermato il CEO Bob Iger in una dichiarazione preparata.

È stato il primo rapporto finanziario da quando gli azionisti hanno respinto i tentativi dell’investitore attivista Nelson Cinghie Iger ha sostenuto con fermezza gli sforzi compiuti il ​​mese scorso per rilanciare l’azienda dopo un difficile periodo per assicurarsi un posto nel consiglio di amministrazione dell’azienda.

Thomas Monteiro, analista senior di Investing.com, ha affermato che alcuni investitori Disney potrebbero essersi aspettati di più dal rapporto trimestrale, ma “la società ha orientato la sua performance verso il suo modello di business principale, che è più conservatore per natura”.

READ  Il Senato ha aperto una storica udienza di impeachment contro il segretario alla Sicurezza Nazionale Alejandro Mayorgas

Monteiro si è concentrato sul tentativo di rendere redditizia la divisione streaming dell’azienda.

“La grande sorpresa della giornata è arrivata sul fronte dello streaming, che è finalmente riuscito a realizzare un profitto – prima delle previsioni – in un periodo di massicci scioperi a Hollywood”, ha detto Monteiro. “Ciò suggerisce che forse un modello più globale e a basso costo di produzione, simile a Netflix, è la strada da percorrere in un processo che deve riconsiderare le sue aspettative di crescita nel suo insieme”.

I ricavi dei parchi a tema Disney nazionali sono aumentati del 7%, mentre quelli dei parchi a tema esteri sono aumentati del 29%.

Ma la Disney ha ammesso di aver dovuto affrontare costi più elevati nei suoi parchi a tema nel trimestre a causa dell’inflazione.

La società ha affermato che gli ospiti hanno speso di più a Walt Disney World a causa dei prezzi più alti dei biglietti, mentre gli ospiti di Disneyland hanno aumentato la loro spesa a causa dei prezzi più alti dei biglietti e delle tariffe delle camere d’albergo.

All’estero, Disneyland di Hong Kong ha beneficiato dell’apertura di novembre di World of Frozen, una sezione del parco che include giostre basate sui popolari film “Frozen”.

Nel periodo terminato il 30 marzo, la Disney ha perso 20 milioni di dollari, ovvero un centesimo per azione. Ciò si confronta con un profitto di 1,27 miliardi di dollari, o 69 centesimi per azione, un anno fa.

Gli oneri per ristrutturazioni e svalutazioni sono saliti a 2,05 miliardi di dollari rispetto ai 152 milioni di dollari dello stesso periodo dell’anno precedente.

READ  Guerra in Ucraina: Kiev colpita da un nuovo massiccio attacco di droni russi - Sindaco

Gli utili rettificati, escludendo spese e altre voci, sono stati pari a 1,21 dollari per azione, battendo facilmente gli 1,12 dollari per azione che gli analisti si aspettavano da Zacks Investment Research.

Disney ha ora un obiettivo di crescita dell’utile per azione rettificato per l’intero anno del 25%, grazie alla performance del secondo trimestre. In precedenza aveva previsto una crescita almeno del 20%.

I ricavi della società di Burbank, California, sono saliti a 22,08 miliardi di dollari rispetto ai 21,82 miliardi di dollari dell’anno precedente, ma sono leggermente inferiori alle stime di Wall Street di 22,13 miliardi di dollari.

Le vendite di contenuti e le entrate derivanti dalle licenze sono diminuite del 40% nel secondo trimestre, poiché la Disney non ha rilasciato titoli cinematografici significativi nel secondo trimestre, rispetto a un anno prima dopo l’uscita di “Ant-Man and the Wasp: Quantummania”. I risultati dello scorso anno sono stati aiutati dallo spettacolo in corso “Avatar: The Way of Water”, che uscirà a dicembre 2022.

Le azioni sono scese del 5% prima dell’apertura del mercato.

A febbraio, The Walt Disney Company ha dichiarato che stava effettuando “riduzioni significative dei costi” e riducendo le spese di vendita, generali e altre spese operative di 500 milioni di dollari nel primo trimestre. Azienda Tagliare migliaia di posti di lavoro Nel 2023.

A marzo, il governatore Ron DeSantis e gli alleati della Disney A soluzione Accordo nella battaglia giudiziaria statale su come si svilupperà Walt Disney World in futuro dopo l’acquisizione del parco divertimenti da parte del governo della Florida.

Gli artisti personaggi e il loro sindacato organizzativo, Actors Equity, hanno dichiarato il mese scorso a Disneyland in California: Hanno presentato una petizione Per il riconoscimento sindacale.

READ  Jack Dorsey afferma che Elon Musk non avrebbe dovuto acquistare Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *