Guerra di Gaza: nave di pronto soccorso lascia Cipro

didascalia dell'immagine,

Open Arms è partita da Larnaca martedì mattina, rimorchiando una barca piena di aiuti alimentari.

Una nave spagnola che trasportava 200 tonnellate di generi alimentari tanto necessari ai palestinesi di Gaza ha finalmente lasciato Cipro.

Open Arms parte da Larnaca poco prima delle 09:00 (07:00 GMT) per una crociera che dura due giorni.

Gaza non ha un porto funzionante, quindi World Central Kitchen, l’organizzazione benefica americana dietro la missione, sta costruendo un molo per ricevere gli aiuti.

L’ONU ha avvertito che la massiccia carenza di aiuti ha portato Gaza sull’orlo della carestia.

Il modo più rapido ed efficace per ottenere aiuto nella regione è su strada. Ma le agenzie umanitarie affermano che solo una frazione di ciò che le restrizioni israeliane richiedono sta entrando.

Se le armi aperte verranno dispiegate con successo a Gaza, altre navi seguiranno come parte di uno sforzo marittimo europeo e degli Emirati per ricevere ulteriore assistenza a Gaza.

Israele afferma di accogliere favorevolmente la creazione di una rotta marittima e di contribuire a fornire aiuti a Gaza mentre le sue forze continuano a combattere Hamas.

La guerra è iniziata il 7 ottobre quando uomini armati di Hamas hanno attaccato il sud di Israele, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo 253 ostaggi. Il ministero della Sanità guidato da Hamas afferma che finora a Gaza sono state uccise 31.180 persone.

La World Central Kitchen (WCK) ha annunciato che martedì mattina arriverà a Gaza la prima spedizione di aiuti marittimi dopo diverse settimane.

La Open Arms, una nave di salvataggio dell'omonima associazione di beneficenza spagnola, rimorchia una chiatta piena di riso, farina, legumi, verdure in scatola e proteine ​​in scatola.

Mentre è in mare, i palestinesi che lavorano per la WCK continueranno a costruire un molo in una località sconosciuta al largo della costa di Gaza, che verrà utilizzato per scaricare gli aiuti. Negli ultimi cinque mesi hanno utilizzato le rovine degli edifici e delle infrastrutture distrutte.

WCK afferma che se il molo sarà pronto in tempo, il cibo verrà caricato sui camion e distribuito alle comunità bisognose. L’organizzazione benefica ha una rete di circa 60 cucine in tutta Gaza e ha fornito più di 35 milioni di pasti a 1,7 milioni di palestinesi sfollati.

“Dobbiamo finire il pontile che ci permette di scaricare il cibo! Il fallimento non è un'opzione… Nord [Gaza] Essere nutrito!”

Più tardi martedì, il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP) ha dichiarato di essere riuscito a far arrivare un convoglio di aiuti nel nord di Gaza per la prima volta in tre settimane.

A Gaza City è stato distribuito cibo sufficiente per 25.000 persone, ha aggiunto l'agenzia, prima di affermare: “Abbiamo bisogno di consegne ogni giorno”.

Secondo l’ONU almeno 576.000 persone a Gaza – un quarto della popolazione – sono ad un passo dalla carestia.

Il rapporto avverte che il tempo sta per scadere per circa 300.000 persone isolate nel nord del continente, ha affermato l'ONU. Da mesi le agenzie lottano contro l’inaccessibilità a causa delle ostilità in corso e del crollo della legge e dell’ordine.

Il ministero della Sanità di Gaza ha detto che almeno 25 persone, molti dei quali bambini, sono morti di malnutrizione e disidratazione negli ospedali della zona.

fonte dell'immagine, Cucina centrale mondiale

didascalia dell'immagine,

Il fondatore di World Central Kitchen, Jose Andres, ha pubblicato una foto che mostra i lavoratori che costruiscono un molo al largo della costa di Gaza.

“Stiamo morendo di fame in due modi: per mancanza di cibo, quel poco che è disponibile va oltre ogni immaginazione”, ha detto Yamen, padre di quattro figli. Martedì l'agenzia di stampa Reuters.

La WCK si dice pronta a inviare altre 500 tonnellate di aiuti a Cipro, con l'obiettivo di “creare un'autostrada marittima di barche e chiatte con milioni di prodotti alimentari che continueranno a Gaza”.

Open Arms è la prima nave umanitaria a salpare nell'ambito dell'iniziativa del corridoio marittimo di Cipro, sostenuta dall'Unione Europea, dal Regno Unito e dagli Stati Uniti.

Il presidente di Cipro Nicos Christodoulits ha affermato che il viaggio è “di speranza e di umanità” e potrebbe diventare “un’ancora di salvezza per la gente comune”.

Gli Stati Uniti hanno anche lanciato un’iniziativa separata che vedrebbe una nave militare costruire un porto galleggiante al largo della costa di Gaza, inclusa una nave temporanea per trasportare rifornimenti a terra.

I paesi occidentali e arabi hanno spesso effettuato attacchi aerei sul nord di Gaza. Tuttavia, sono considerati inefficaci e costosi.

Due alti funzionari delle Nazioni Unite hanno accolto con favore l’apertura di una rotta marittima verso Gaza, ma hanno avvertito che le rotte stradali sono l’unico modo per trasportare grandi quantità di cibo.

“Non esiste un'alternativa significativa alla fornitura di assistenza su vasta scala alle numerose rotte terrestri e punti di ingresso a Gaza da Israele”, ha affermato Sigrid Gaq, coordinatrice umanitaria e per la ricostruzione di Gaza e dei servizi del programma delle Nazioni Unite. ha affermato Jorge Moreira da Silva, direttore esecutivo dell'ufficio.

“Le rotte terrestri dall'Egitto, in particolare da Rafah, e dalla Giordania rimangono vitali per lo sforzo umanitario complessivo”.

L’ONU ha chiesto al Nord di aprire i suoi valichi, che sono stati chiusi dall’offensiva del 7 ottobre, e di consentire che il porto di Ashdod, a 37 km (23 miglia) da Gaza, venga utilizzato come rotta di aiuto. Sottolinea Israele.

Israele nega di aver bloccato gli aiuti o la loro distribuzione e incolpa le agenzie delle Nazioni Unite per non aver fornito aiuti alle persone bisognose.

“Più camion di aiuti raggiungono Gaza grazie al coordinamento israeliano con gli imprenditori palestinesi del settore privato di Gaza.”

Prima della guerra, circa 500 camion – capaci di trasportare fino a 20 tonnellate di merci – entravano a Gaza in media ogni giorno. Nei primi 10 giorni di marzo, una media di 162 camion sono entrati a Gaza ogni giorno attraverso i valichi di Rafah, controllati dall'Egitto, e di Kerem Shalom, controllati dall'Israele, secondo le Nazioni Unite.

READ  Tom Brady, i Raiders raggiungono un "accordo" sulla proprietà di minoranza: ESPN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *