Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU respinge la risoluzione americana sul cessate il fuoco a Gaza | Notizie sulla guerra di Israele a Gaza

Russia e Cina hanno posto il veto alla proposta americana che, secondo i critici, avrebbe chiesto la fine della guerra di Israele a Gaza.

Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU non è riuscito ad approvare una risoluzione redatta dagli Stati Uniti che chiedeva un cessate il fuoco nella guerra in corso da Israele a Gaza dopo che due membri permanenti avevano posto il veto.

Il progetto presentato venerdì alla Camera ha ricevuto 11 voti favorevoli, tre contrari da Russia, Cina e Algeria e un'astensione dalla Guyana.

Sia la Russia che la Cina hanno esercitato il veto contro la risoluzione, che avrebbe “imposto un cessate il fuoco immediato e duraturo” e avrebbe condannato l'attacco di Hamas del 7 ottobre.

Mosca ha accusato Washington di “manifestazioni ipocrite” che non hanno esercitato pressioni su Israele.

L'ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, Vassily Nebenzia, ha affermato che la bozza è altamente politicizzata e rappresenta un “via libera efficace” per l'azione militare israeliana nella città di Rafah, nel sud di Gaza, che ospita più di 1,5 milioni di palestinesi.

Nepenzia, che ha affermato che il testo della risoluzione non contiene alcuna richiesta di cessate il fuoco, ha accusato la leadership americana di “ingannare deliberatamente la comunità internazionale”.

Il rappresentante cinese, Zhang Jun, ha definito la bozza “la questione più centrale del cessate il fuoco” attraverso il suo linguaggio “vago”.

“Non fornisce nemmeno una risposta alla questione dell'attuazione del cessate il fuoco a breve termine”, ha affermato.

Non esiste alcuna “richiesta” di cessate il fuoco

Sebbene gli Stati Uniti abbiano promosso la mossa come una richiesta di cessate il fuoco, i critici hanno sottolineato che la bozza non è riuscita a chiedere un cessate il fuoco.

READ  Eurovision 2023: la finale ispirata all'Ucraina prende il via a Liverpool

La proposta favorisce un “cessate il fuoco immediato e duraturo per proteggere i civili di tutte le parti”, a differenza dei precedenti progetti di risoluzione a cui Washington aveva posto il veto e che chiedevano un cessate il fuoco incondizionato.

Il progetto di risoluzione statunitense collega inoltre il cessate il fuoco ai negoziati in corso per garantire un accordo di cessate il fuoco per liberare gli israeliani tenuti prigionieri a Gaza.

“Dice che è importante avere un cessate il fuoco; Non sembra che ne venga chiesta una,” ha detto all'inizio di questa settimana il corrispondente diplomatico di Al Jazeera James Pace, che ha ottenuto una copia della bozza della risoluzione.

“Inoltre, collega direttamente il cessate il fuoco al rilascio dei rimanenti prigionieri detenuti da Hamas e da altri gruppi a Gaza.”

Dopo il voto di venerdì, l'ambasciatrice americana all'ONU Linda Thomas-Greenfield ha affermato che la Russia ha usato il suo veto per dare priorità alla politica rispetto al progresso e che Russia e Cina non hanno fatto nulla di significativo per promuovere la pace.

L'ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield interviene alla riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il 22 marzo 2024 a New York City, USA. [Mike Segar/Reuters]

Proposte di risoluzioni alternative

Gli Stati Uniti, il più stretto alleato di Israele, hanno posto il veto su tre risoluzioni che chiedevano un cessate il fuoco, con la più recente misura filo-araba sostenuta da 13 membri del consiglio con un'astensione il 20 febbraio.

Il giorno prima, gli Stati Uniti avevano diffuso una risoluzione concorrente che aveva subito importanti modifiche durante i negoziati in vista del voto di venerdì.

Inizialmente avrebbe sostenuto un cessate il fuoco temporaneo legato al rilascio di tutti gli ostaggi, e avrebbe sostenuto gli sforzi internazionali per un cessate il fuoco come parte di un precedente progetto di accordo sugli ostaggi.

READ  Justin Fields ha respinto uno scambio prima di atterrare con gli Steelers

Venerdì, l'ambasciatore algerino all'ONU, Amar Bendjama, ha affermato che migliaia di vite innocenti avrebbero potuto essere salvate se il Consiglio avesse approvato la risoluzione di febbraio. Più di 32.000 palestinesi – soprattutto donne e bambini – sono stati uccisi dall’inizio della guerra, lo scorso ottobre.

Le cifre rappresentano le vite perdute e le “speranze distrutte”, ha detto Bendjama, aggiungendo che il testo americano non menziona la responsabilità di Israele per la loro morte.

Nel frattempo, i 10 membri eletti del Consiglio di Sicurezza stanno elaborando una propria risoluzione, che chiede un cessate il fuoco umanitario immediato per il mese sacro del Ramadan, iniziato il 10 marzo, “che venga rispettato da tutte le parti portando ad un cessate il fuoco permanente e sostenibile “.

Chiede il “rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi” e sottolinea l'urgente necessità di proteggere i civili e fornire assistenza umanitaria in tutta la Striscia di Gaza.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato venerdì che la Francia agirà anche in base a una nuova risoluzione delle Nazioni Unite per un cessate il fuoco a Gaza.

“Dopo il veto di Russia e Cina di pochi minuti fa, riprenderemo i lavori sulla base del progetto di risoluzione francese in seno al Consiglio di Sicurezza e lavoreremo con i nostri partner americani, europei e arabi per raggiungere un accordo”, ha concluso Macron. Vertice dei leader dell'Unione europea a Bruxelles.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *