L’Unione Europea cerca di prendere le distanze dalla Cina e dalla Russia e rinnovare i legami con l’America Latina ei Caraibi

BRUXELLES, 17 luglio (Reuters) – L’Unione Europea ha promesso maggiori investimenti in America Latina e nei Caraibi durante il vertice di lunedì, come parte di un riallineamento delle sue relazioni internazionali spinto dalla guerra della Russia all’Ucraina e dalla crescente diffidenza nei confronti della Cina.

Mentre più di 50 leader delle tre regioni si sono riuniti a Bruxelles per un vertice UE-CELAC (Comunità degli Stati latinoamericani e caraibici) di due giorni, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato a un forum di affari che l’America latina, i Caraibi e l’Europa necessario gli uni agli altri come mai prima d’ora.

“Il mondo in cui viviamo è più competitivo e conflittuale che mai. Ancora sconvolto dal grave bilancio della pandemia di COVID-19, il mondo sta affrontando gravi ripercussioni dall’aggressione russa contro l’Ucraina”, ha affermato.

“Questo sta accadendo sullo sfondo della crescente assertività della Cina all’estero”, ha aggiunto.

Ha affermato che l’UE prevede di investire 45 miliardi di euro in America Latina e nei Caraibi come parte della sua iniziativa Global Gateway, ampiamente considerata come un rivale degli investimenti infrastrutturali nella Belt and Road Initiative cinese.

Ma i dibattiti sulla relazione del vertice hanno evidenziato differenze su come affrontare la guerra in Ucraina e il ruolo dell’Europa nella tratta degli schiavi.

L’UE ha affermato di volere una dichiarazione congiunta che condanni la Russia, ma sa che sarà difficile da raggiungere. La maggior parte dei paesi CELAC erano a febbraio alle Nazioni Unite. Pur sostenendo la risoluzione, che chiedeva l’immediato ritiro delle truppe russe, il Nicaragua ha votato contro e Bolivia, Cuba ed El Salvador si sono astenuti.

READ  Analisi della classifica del British Open 2023: Tommy Fleetwood va giù, il dilettante Christo Lambrecht sbalordito nel Round 1

Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha dimostrato di essere un moderato e un potenziale mediatore di pace.

Lula non ha ripetuto le sue precedenti critiche all’Occidente per aver fornito armi all’Ucraina, ma ha detto che la guerra stava distogliendo risorse da altrove.

“Una guerra nel cuore dell’Europa getta incertezza nel mondo e dirotta risorse essenziali ai programmi economici e sociali verso obiettivi di guerra”, ha affermato.

“La corsa agli armamenti rende il cambiamento climatico ancora più difficile”.

Cambiare la Russia

L’UE vuole stringere nuove partnership energetiche dopo aver tagliato i rapporti con la Russia prima che invadesse l’Ucraina nel febbraio dello scorso anno.

Vuole ridurre la sua dipendenza dalla Cina, stringere nuove alleanze per assicurarsi minerali fondamentali per i veicoli elettrici e una transizione più ampia verso un’economia a basse emissioni di carbonio, con catene di approvvigionamento dominate dalla Cina.

L’UE ha riconosciuto di aver a volte messo da parte i suoi partner latinoamericani mentre il ruolo della Cina nella regione è aumentato. Ma ora sono interessato a recitare di nuovo.

Al vertice sono stati invitati tutti i 60 leader degli Stati membri dei due blocchi, ma non è prevista la partecipazione dei presidenti di El Salvador, Messico, Perù e Venezuela.

Sebbene l’UE sia entusiasta degli investimenti, i partner CELAC generalmente preferiscono i vantaggi economici della lavorazione e produzione di batterie al litio o veicoli elettrici, piuttosto che i piccoli ritorni derivanti dalla spedizione di minerali da trattare altrove.

L’Unione Europea sta spingendo per un accordo commerciale con il Cile, il più grande produttore mondiale di rame e il secondo produttore di litio, e i funzionari hanno detto che potrebbe entrare in vigore il prossimo anno.

READ  Gli investigatori hanno trovato una nave della seconda guerra mondiale affondata con più di 1.000 prigionieri di guerra alleati

Sta cercando di aprire accordi commerciali con il Messico nel 2018 e con il blocco Mercosur di Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay nel 2019, anche se i funzionari hanno minimizzato le aspettative di eventuali scoperte durante il vertice.

($ 1 = 0,8907 euro)

Segnalazioni aggiuntive di Catarina Demonay, Tassilo Hummel, Marine Straus e Belen Carreno; Di Philp Blenkinsop e Andrew Gray; Montaggio di Barbara Lewis e Christina Finzer

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *