Nikola Jokić, serie stagionale di successo dei Nuggets, i Celtics si confrontano con la realtà

DENVER – I Celtics hanno fatto molte cose memorabili quest'anno. Ma c’è un buco in quella che sperano possa essere la ripresa del campionato. Non hanno battuto i campioni in carica.

Ora c'è una semplice domanda su questa squadra: riuscirà a battere i Nuggets nelle finali NBA?

Giovedì sera hanno dimostrato ancora una volta di non riuscire a capire come battere Nikola Jokic. I Celtics stanno cercando di battere i loro avversari in campionato, ma non riescono a dare scacco matto al grande maestro della NBA.

“È un buon passante, ma a volte aiuti a togliere il schiacciatore (Spot) e Aaron Gordon è un grande schiacciatore”, ha detto Jayson Tatum. “Non esiste una risposta sbagliata, ma la risposta giusta può essere diversa per ogni possesso.”

Sebbene Tatum abbia guadagnato slancio nella corsa all'MVP dopo la pausa All-Star, questo gioco chiuderà la porta a quel ritorno. Jokic ancora una volta ha dominato, mentre Tatum non è riuscito a trovare consistenza alle due estremità del campo.

La partita è stata una cartina di tornasole per la sua candidatura e la persistente impressione che lui passasse in secondo piano potrebbe influenzare la sua posizione al momento delle votazioni. Perché ciò accada, i Celtics dovranno sempre avere un record stellare, ma Jokic giovedì è stato inarrestabile e Tatum poco coinvolgente.

“Lo dico sempre, parliamo del rispetto reciproco degli spazi e della comprensione del flusso del gioco”, ha detto Tatum. “Quindi non spetta a me voler prendere il controllo del gioco e provare a farlo su di me, è un gioco televisivo a livello nazionale. Altri ragazzi lo hanno fatto. Quindi, se devo stare nell'angolo, se devo essere d'aiuto a volte , così sia.

Jaylen Brown ha segnato 41 punti, il massimo della stagione, mantenendo i Celtics a distanza ravvicinata mentre la loro offensiva a metà campo è stata inghiottita dalla difesa di Denver. Ma i Celtics hanno commesso troppi falli, tra cui palle perse sbagliate, tentativi di palla sbagliati, compiti difensivi sbagliati e tiri liberi di Brown (7 su 14).

READ  Il Michigan assume l'allenatore capo della FAU Dusty May per sostituire Juan Howard

“Inizia da me”, ha detto Brown. “Si inizia dai massimi livelli, si inizia con Jason e abbiamo commesso molti errori che ci sono costati la partita”.

La sconfitta è stata autoinflitta e Jokic ha vinto la partita quando Tatum ha mancato un 3 completamente aperto per passare in vantaggio nell'ultimo minuto. I Celtics non hanno perso la partita poiché l'ex MVP ha dominato dall'inizio alla fine.

Ad essere onesti, i Celtics hanno provato quasi tutto. Hanno iniziato la partita con una zona ibrida che ha cercato di mantenere Kristaps Porczysas nell'area con corpi piantati nelle corsie di guida di Jokic. I Nuggets mettono fine rapidamente alla situazione mettendo i corpi in entrambi i punti di schiacciamento.

I Celtics hanno messo un altro giocatore in profondità per aiutare Gordon a fermare la palla, e Porcis è rimasto su Jokic. Nemmeno quello ha funzionato.

E poi, quando Borsizakis ci ha pensato, Jokic lo ha seguito in una copertura singola dove necessario, facendolo girare come il grande Hakeem Olajuwon di Denver.

“Quando dai la palla a Gordon, la schiaccerà”, ha detto Jokic. “Come ho detto ai ragazzi, a volte non ho bisogno di guardare perché so dov'è. Devo solo buttarlo là fuori e lui lo prenderà per la maggior parte del tempo. Ma se non lo capisce, è colpa mia.

Se Brown aiuta presto e Tatum ribalta Gordon, Jokic trova Michael Porter Jr. per un 3 aperto.

Devi credere che Jokic mancherà. Anche se lo fa, Gordon pulisce tutto. Jokic è difficile da battere una volta entrato nel ritmo.

“Era sicuramente nella sua borsa stasera, lo è, è un incredibile giocatore di basket. Ho imparato alcune cose da lui oggi”, ha detto Porchisis. “È molto intelligente, molto astuto, e ci sono molte cose che non sai Non vedo che questo aiuterà quella squadra a vincere.” È incredibile. Ogni volta che gli dai un piccolo aiuto, trova Gordon, trova tutti e parla di quanto è prezioso per loro e di cosa fa per loro. Davvero, davvero, davvero (difficile da fermare).”

READ  Elezioni greche: il centrodestra Mitsotakis saluta grande vittoria ma vuole la maggioranza

I Celtics devono ancora trovare l'equilibrio per fermare Jokic e schierare la loro migliore formazione. Chiudere la partita con Al Horford? Magari mettergli più guardie e creare alcune zone di confronto?

“Penso che avrei dovuto proteggere Jokic un po' di più, un po' di più”, ha detto Brown. “Vorrei aver potuto avere un po' di quelle occasioni. Avrei potuto tenerlo lontano dal canestro e avremmo potuto sfruttare alcune delle occasioni che avevano loro. Ma sento che avevamo tutte le possibilità di vincere questa partita.

Brown ha insistito per affrontare le sfide difensive più grandi ogni sera. Se l'allenatore Joe Mazzulla intende condurre un esperimento nella gestione del suo spogliatoio, dipenderà da chi avrà le opportunità nei momenti importanti.

I giocatori di Boston parlano ancora di raggiungere un altro livello e sono motivati ​​a raggiungerlo. Ma quando sei in vantaggio in classifica, riesci a trovare quel fuoco? Bene, ora sanno che i Nuggets sono sulla loro strada.

I Celtics hanno il miglior record della NBA. Ma a fine giugno non importerà a nessuno. Se non sei campione non sei la squadra migliore. Finora non sono riusciti a battere i campioni.

Quando a Porchisassis è stato chiesto se i Nuggets avessero il numero dei Celtics sopra, ha respinto l'idea.

“Non mi piace che abbiano il nostro numero. Non mi piace questo tipo di fraseggio”, ha detto Porchisis. “Ci hanno battuto due volte. La differenza tra chi vince e chi perde è molto piccola. Ci hanno battuto in casa. Tanto di cappello a loro. E poi ci hanno battuto in casa. È troppo piccola. Sarebbe potuta andare a modo nostro”.

Dopo anni di squadre frustranti e sconnesse, Porchesis ha un sorriso ironico dopo questo tipo di giochi. Era la sua seconda sconfitta consecutiva in questa stagione. L'anno scorso, la sua squadra era Una serie di sconfitte.

READ  Il razzo SpaceX lancia 11 satelliti, incluso uno verso la Corea del Sud, sul volo in ridesharing Bandwagon-1 (Foto)

“Mi piace che abbiamo questa sconfitta nella stagione regolare. Punge. Deve pungere”, ha detto Borschis. “E dobbiamo imparare, migliorare e avere alcune cose mentali che possiamo portare via da questa partita. Abbiamo avuto alcune giocate emotive che non potevamo permettere che accadessero nei playoff. Alcuni aspetti tecnici di cui non avevamo assolutamente bisogno. Quelli sono le cose che togliamo da questo gioco e da cui ci riprendiamo.

Porziņģis fa la differenza ed è stato fondamentale nel portare i Celtics dalla massima serie al proprio aereo in questa stagione. Quindi, quando Jokic lo ha guardato giovedì sera, gli ha ricordato che un grande vantaggio in classifica e un patrimonio netto generazionale possono diventare un piccolo divario tra due squadre vincenti una volta scesi in campo.

“Sì, sono una buona squadra e sì, praticamente hanno la risposta a tutto, dal punto di vista del matchup, della difesa, dell'attacco”, ha detto Jokic. “Sono una squadra ben strutturata e giocano molto bene. Sono la migliore squadra della NBA in questo momento. È molto difficile giocare contro una squadra lunga e alta. Questa è una grande squadra”.

I Celtics sono ancora migliori, ma i Nuggets potrebbero avere il sopravvento. Il discorso secondo cui i Celtics avrebbero raggiunto un altro livello è fondato sulla realtà. Possono battere le squadre di 50 punti, ma tutti sanno che i Nuggets giocheranno fino alla morte.

“Quello che mi piace è che abbiamo il vantaggio di giocare sempre meglio, e sì, è possibile”, ha detto Borchissis. “Speriamo di rivederli.”

(Foto di Jayson Tatum e Nikola Jokic: Ron Chenoy/USA Today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *