I veicoli elettrici di GM utilizzeranno la rete di ricarica di Tesla

General Motors ha dichiarato giovedì che adotterà la tecnologia Tesla per caricare i suoi veicoli elettrici, compresa la vendita di modelli che utilizzano spine sperimentate da Tesla.

L’annuncio arriva due settimane dopo che Ford ha raggiunto un accordo simile che renderebbe le prese di Tesla lo standard del settore e farebbe pressione sulle aziende che corrono per costruire reti simili man mano che crescono le vendite di veicoli elettrici. Gli accordi affermano che i proprietari di veicoli Ford e GM possono utilizzare i caricabatterie Tesla, che spesso sono disponibili solo in poche località e hanno una reputazione di affidabilità.

“Letteralmente raddoppia quasi l’accesso ai caricabatterie” per i clienti GM, ha affermato l’amministratore delegato della casa automobilistica, Mary T. Parra ha detto durante lo streaming. Conversazione su Twitter Con Elon Musk, CEO di Tesla e proprietario di Twitter.

Sig. Musk ha affermato che l’accordo sarebbe “fondamentalmente una grande cosa per il progresso dell’adozione dei veicoli elettrici”.

Ma potrebbe sollevare preoccupazioni sul fatto che Tesla, che già domina le vendite di veicoli elettrici, possa sopraffare i rivali nel settore della ricarica in rapida crescita.

Mentre GM avrà accesso a più caricabatterie, Tesla guadagnerà vendendo energia ai proprietari di modelli realizzati da altre case automobilistiche. Tesla sta addebitando ai proprietari di quelle altre auto più dei proprietari delle proprie auto. La società di auto elettriche deve aprire la sua rete per ottenere parte dei 7,5 miliardi di dollari che il governo federale sta spendendo per accelerare la costruzione delle stazioni di ricarica.

Adottando lo standard di ricarica di Tesla, Ford e GM rischiano di diventare dipendenti dal loro più formidabile concorrente. Nessuna casa automobilistica con sede nel Michigan vende tante auto elettriche e gestisce una rete di ricarica come Tesla.

READ  Bitcon ed Ether crescono mentre i richiedenti degli Exchange-traded Fund di Hong Kong affermano di essere approvati per l'ETF Bitcoin

L’accordo comporta anche dei rischi per Tesla. La popolarità delle sue auto ha creato congestione nelle stazioni di ricarica dell’azienda in alcune città e su alcune autostrade. I proprietari di Tesla potrebbero essere infastiditi dal fatto che ora devono schierarsi con auto prodotte da Ford e GM.

“Non credo che i proprietari di Tesla saranno felici di vedere una Ford Mustang Mach-E in carica mentre aspettano in fila”, ha dichiarato Ben Rose, presidente di Battle Road Research, che segue l’industria automobilistica.

La battaglia tra le spine di ricarica di Tesla e quelle attualmente utilizzate da Ford, GM e altre case automobilistiche ricorda la rivalità tra le videocassette Betamax e VHS negli anni ’80. VHS alla fine ha vinto la battaglia.

A un certo livello, la concorrenza tra gli standard è una questione tecnica complicata, con entrambe le parti che affermano che la propria spina è la scelta migliore. Ma potrebbe avere implicazioni a lungo termine per i milioni di persone che dovrebbero passare ai veicoli elettrici nei prossimi anni.

Tesla vende auto con una presa chiamata North American Charging Standard. Ford, GM e altre case automobilistiche hanno venduto auto plug-in utilizzando un sistema di ricarica integrato. I due non coincidono.

I caricabatterie veloci di aziende come EVgo o Electrify America in genere hanno entrambe le prese e possono caricare auto di produttori che utilizzano CCS, tra cui Tesla e Mercedes-Benz, Volkswagen e Volvo. Per i suoi quasi 10 anni di storia, la rete di Tesla – che gestisce più della metà dei quasi 30.000 caricabatterie veloci nel paese – è stata chiusa alle auto di altri produttori, ma la società ha recentemente iniziato a consentire loro di utilizzare alcuni dei suoi caricabatterie. .

READ  Guerra della Russia in Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

La reazione dei rivali giovedì è stata contenuta. “Sosteniamo tutte le misure per aumentare l’adozione di veicoli elettrici”, ha dichiarato in una e-mail Brendan Jones, amministratore delegato di Blink Charging. “Stiamo monitorando attentamente il mercato e ci adegueremo se necessario”, ha affermato.

Gli investitori hanno accolto con favore l’accordo. Giovedì, i prezzi delle azioni Tesla e GM sono aumentati di circa il 3% durante gli scambi prolungati.

Quest’anno si preannuncia critico per le ambizioni dei veicoli elettrici di GM. L’azienda è a poche settimane dall’offrire una versione alimentata a batteria del suo pickup Chevrolet Silverado. Prevede inoltre di introdurre iterazioni elettriche dei veicoli utilitari sportivi Blazer ed Equinox.

Ford sta lavorando per accelerare la produzione elettrica dell’F-150 Lightning in una fabbrica a Dearborn, nel Michigan.

Sig. Musk ha detto durante la sua conversazione con la signora Barra. Ma se domina lo standard di Tesla, altri operatori si affideranno al concorrente per le informazioni di cui hanno bisogno per costruire e installare reti di ricarica.

Jonathan Levy, chief commercial officer di EVgo, ha affermato che la società spera che lo standard nordamericano venga rilasciato “in modo che i fornitori di tutto il settore abbiano accesso per offrire ai conducenti di veicoli elettrici più opzioni di ricarica”.

Entro l’inizio del 2024, i proprietari di veicoli elettrici Ford e GM potranno acquistare adattatori per connettersi ai caricabatterie rapidi Tesla. Entro il 2025, entrambe le società prevedono di vendere veicoli progettati per utilizzare la spina nordamericana di Tesla. I proprietari avranno bisogno di un adattatore per connettersi ai caricabatterie CCS.

Insieme a un archivio, Ford e GM hanno concordato di aver bisogno della rete di Tesla per vendere veicoli elettrici.

READ  Una tempesta di neve a New York? Più neve prevista venerdì - NBC New York

Quando la società ha annunciato l’accordo con Tesla il mese scorso, l’amministratore delegato di Ford Jim Farley ha dichiarato in una e-mail che “la ricarica pubblica affidabile e diffusa è un fattore chiave per l’adozione dei veicoli elettrici”. Stati Uniti e Canada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *