L’Ucraina continua a premere dopo che la Russia ha dichiarato la vittoria a Pakmut

BAKMUD, Ucraina (AP) – Guardando le immagini da una telecamera drone, il comandante del battaglione ucraino Oleg Shiryav ha avvertito i suoi uomini nelle trincee vicine che le forze russe stavano avanzando verso gli alberi fuori da un campo. Città di Pakmut.

Il comandante del 228 ° battaglione della 127a forza di difesa regionale di Kharkiv ha quindi ordinato di preparare un gruppo di mortai. Un bersaglio è bloccato. Un tubo di mortaio esplose con un forte scoppio arancione, e un’esplosione aprì un nuovo cratere nel pendio già butterato.

“Stiamo andando avanti”, ha detto Shiryav, aggiungendo che almeno un’immagine di un drone mostrava che un jet da combattimento russo era stato colpito. “Combattiamo per ogni albero, ogni fosso, ogni fosso.”

Le forze russe hanno dichiarato la vittoria nella città orientale il mese scorso dopo la battaglia più lunga e peggiore dall’inizio dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina 15 mesi fa. Ma ai difensori ucraini piace Shiryav Non si è tirato indietro. Invece, continuano ad andare avanti e continuano a combattere dai confini occidentali di Baghmut.

Il respingimento offre ai comandanti a Mosca un’altra cosa a cui pensare in anticipo Il tanto atteso contrattacco ucraino Sembra prendere forma.

Il vice ministro della Difesa ucraino Hanna Malier ha affermato che la Russia ha cercato di creare un’apparenza di calma intorno a Bagmuth, ma in realtà i bombardamenti di artiglieria continuano a livelli simili a quelli al culmine della battaglia per catturare la città. La lotta, ha detto, si sta sviluppando in una nuova fase.

“La battaglia per la regione di Pakmut non si è fermata; È in corso, assume forme diverse”, ha detto Maliar, indossando la sua caratteristica divisa, in un’intervista da un media center militare a Kiev. Le forze russe stanno ora tentando, ma fallendo, di rimuovere i combattenti ucraini dalle “altezze dominanti” che sovrastano Bagmut.

READ  Rapporto: George Santos ha mentito al giudice di Seattle su Goldman Sachs

“Li abbiamo abbastanza stretti”, ha detto.

Dal punto di vista del Cremlino, l’area intorno a Pakmut fa parte della linea del fronte di oltre 1.000 chilometri (621 miglia) che l’esercito russo deve mantenere. Con il ritiro dei mercenari, questo compito sarà reso più difficile L’appaltatore militare privato Wagner Group Ha aiutato a controllare la città. Saranno sostituiti da soldati russi.

Per quanto riguarda le forze ucraine, il recente lavoro è stato opportunistico, cercando di ottenere piccoli guadagni dal nemico e prendere posizioni strategiche, specialmente dai due lati a nord-ovest e sud-ovest, dove è attiva la 3a brigata d’assalto separata ucraina, hanno detto i funzionari.

La Russia vedeva la cattura di Pakmut come un parziale adempimento della sua ambizione di prendere il controllo del cuore industriale dell’Ucraina, la regione del Donbass orientale. Ora, le sue forze sono state costrette a riorganizzarsi, ruotare i combattenti e riarmarsi per tenere la città. Proprietario di Wagner Dopo aver accettato, ha annunciato le sue dimissioni Una perdita di oltre 20.000 dei suoi uomini.

Maliar ha descritto la lotta di nove mesi contro le forze di Wagner in termini quasi esistenziali: “Se non fossero state distrutte durante la difesa di Pakmut, è concepibile che queste decine di migliaia sarebbero avanzate in profondità nel territorio ucraino”.

Il destino di Pakmut, che giace per lo più in rovina, è stato offuscato dai raid notturni su Kiev negli ultimi giorni, dagli attacchi di droni non reclamati vicino a Mosca e dalle crescenti aspettative che il governo ucraino tenterà di riconquistare la terra.

Ma la battaglia per la città potrebbe avere un impatto più duraturo. Mosca ha sfruttato al massimo ciò che è stato catturato. Simulato dal successo nei media russi. Qualsiasi scivolamento nella morsa della Russia sarebbe politicamente imbarazzante per il presidente Vladimir Putin.

READ  Nuova Zelanda: 6 morti nell'incendio di un ostello a Wellington

Michael Goffman del Center for Naval Analyses, un gruppo di ricerca statunitense, ha osservato in un podcast questa settimana che la vittoria porta nuove sfide alla condotta di Bagmut.

Mentre i combattenti di Wagner si ritirano, ha detto Gofman, le forze russe saranno “sempre più trincerate a Bakmut… e più difficili da difendere”. “Battaglia sulle rocce” In un’intervista martedì.

“Quindi potrebbero non aver preso il dollaro, e l’intera faccenda potrebbe finire per non essere nulla per loro”, ha aggiunto.

Un funzionario occidentale, parlando a condizione di anonimato, ha affermato che le forze aeree russe sono state fortemente coinvolte nella sostituzione delle truppe Wagner uscenti, una mossa che potrebbe “opporsi” al comando aereo. “Nell’esercito.

Le forze ucraine hanno circondato alcune aree di poche centinaia di metri (al giorno) per consolidare la linea difensiva e cercare opportunità per riconquistare alcune aree urbane della città, ha detto un analista ucraino.

“L’obiettivo di Pakmut non è Pakmut, è ridotto in macerie”, ha detto al telefono l’analista militare Roman Swidan. L’obiettivo degli ucraini era mantenere le alture occidentali e mantenere un arco difensivo fuori città.

Più in generale, l’Ucraina vuole appesantire le forze russe e prendere l’iniziativa prima di un contrattacco – parte di ciò che gli analisti militari chiamano “operazioni di modellamento” per stabilire i termini dell’ambiente di battaglia e mettere un avversario in una posizione difensiva e reattiva.

Serhiy Cherevatyi, portavoce delle forze ucraine nell’est, ha affermato che l’obiettivo strategico nella regione di Bagmud era “contenere il nemico e distruggere il maggior numero possibile di personale e attrezzature”, impedendo al contempo l’avanzata o le manovre russe.

Il ricercatore Mathieu Poulec si è chiesto se Bachmuth avrebbe condotto le lezioni o il loro significato per la guerra imminente.

READ  Processo sugli sci di Gwyneth Paltrow - IN DIRETTA: L'attore dice alla corte che inizialmente pensava che l'incidente sugli sci fosse "aggressione sessuale"

La superiorità militare è importante, ha detto, ma lo è anche la “superiorità dell’informazione” – “creare strategia, creare chiarezza della tua forza, la capacità di muoversi nell’ombra”.

Boulègue, un partner di consulenza sul progetto Russia ed Eurasia presso il think tank Chatham House di Londra, “può decidere quale parte ottiene un vantaggio che sorprende l’altra parte e cambia le sorti della guerra”.

___

Keaton segnalato da Kiev, Ucraina. Gli scrittori dell’Associated Press Hanna Arhirova e Ilya Novikov a Kiev, Yuras Karmanau a Tallinn, in Estonia, e Jill Lawless a Londra hanno contribuito a questo rapporto.

___

Segui la copertura di AP della guerra in Ucraina: https://apnews.com/hub/russia-ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *