Recupero del corpo della persona morta dopo il crollo del ponte

Un terzo corpo è stato recuperato dal crollo del Key Bridge a Baltimora


Un terzo corpo è stato recuperato venerdì, una settimana dopo il crollo di un ponte levatoio a causa di un incidente con una nave. Le squadre di sub hanno trovato il corpo di Maynor Yasir Suazo-Sandoval, 38 anni, intorno alle 10:30 di venerdì. Gli investigatori della Polizia di Stato del Maryland, insieme a uno specialista delle vittime dell'FBI, al Critical Response Team della contea di Baltimora e all'Ufficio per gli affari degli immigrati del governatore, si sono incontrati con la famiglia di Suazo-Sandoval per informarli. Otto dei lavoratori di Suarez-Sandoval sono immigrati dal Messico, Guatemala, Honduras ed El Salvador. Una grande nave da carico si è scontrata con il ponte ed è crollata a mezzanotte del 26 marzo. Due persone furono salvate, ma i corpi solo di due dei sei morti furono recuperati il ​​giorno dopo il crollo. Il sovrintendente della polizia di stato del Maryland, colonnello Roland L. Butler Jr. ha rilasciato una dichiarazione: “Il crollo del Key Bridge è senza dubbio una delle tragedie più impegnative che abbiamo affrontato come forze dell'ordine. Insieme alla nostra sicurezza pubblica locale, statale e federale. Partner, non daremo su. Ci sono ancora famiglie che aspettano di sapere se abbiamo ritrovato la persona amata. Vi assicuro che siamo pienamente impegnati a portare la pace a ciascuna di queste famiglie.” L'ufficio del sindaco ha rilasciato una dichiarazione: “Questa sera il Comando unificato dei sommozzatori ha annunciato di essere riuscito a portare a Manor Yasir Suazo-Sandoval, il resto dei lavoratori dispersi e la sua famiglia. Mentre sono confortato nel sapere che questo ci porta “Ci avviciniamo alla chiusura, desideriamo ancora i loro cari. Il mio cuore va a tutte le famiglie che stanno aspettando. Ringrazio i primi soccorritori che hanno continuato a lavorare diligentemente per liberare il canale, concentrandosi nel contempo sul salvataggio delle vittime rimanenti. Continueremo fare tutto il possibile per sostenere queste famiglie e dare loro tutto ciò di cui hanno bisogno per perseverare in questa tragedia inimmaginabile. .” La scoperta è avvenuta lo stesso giorno in cui il presidente Joe Biden ha potuto osservare in prima persona gli sforzi per ripulire il “pasticcio degenerato”. Gru, navi ed equipaggi subacquei stanno lavorando per riaprire una delle principali rotte marittime della nazione dopo il crollo dei rottami del ponte Francis Scott Key a Baltimora. Il presidente ha incontrato le famiglie delle vittime vicino al ponte della Casa Bianca. VIDEO SOPRA: Il presidente Biden parla a Baltimora A bordo del Marine One, circondato da una massa di resti metallici mutilati e attrezzature da costruzione e di salvataggio che cercavano di ripulire i rottami del crollo della scorsa settimana, Biden ha avuto il suo primo assaggio della devastazione. Ha ricevuto briefing da funzionari locali, dalla Guardia Costiera degli Stati Uniti e dal Corpo degli Ingegneri dell'Esercito sulla situazione dell'acqua e sulle sue implicazioni per la regione. “Sono qui per dire che la vostra nazione vi copre le spalle”, ha detto Biden dalla spiaggia affacciata sul ponte crollato.

READ  Kristaps Porzingis dei Celtics è reduce da una vittoria con un infortunio al polpaccio

Un terzo corpo è stato recuperato venerdì, più di una settimana dopo il crollo del ponte a causa di uno sciopero delle navi.

Una squadra di sommozzatori ha trovato il corpo di Maynor Yasir Suazo-Sandoval, 38 anni, intorno alle 10:30 di venerdì.

Gli investigatori della Polizia di Stato del Maryland, uno specialista delle vittime dell'FBI, la squadra di risposta critica della contea di Baltimora e l'Ufficio per gli affari degli immigrati del governatore si sono incontrati con la famiglia di Suazo-Sandoval e li hanno informati.

Suazo-Sandoval era tra gli otto lavoratori migranti provenienti da Messico, Guatemala, Honduras ed El Salvador che riempivano i buchi nel ponte quando questo fu colpito da una grande nave mercantile e crollò intorno alla mezzanotte del 26 marzo. Due persone sono state salvate. , ma i corpi solo di due dei sei morti furono recuperati il ​​giorno dopo il crollo.

Il sovrintendente della polizia di stato del Maryland, colonnello Roland L. Butler Jr. ha rilasciato una dichiarazione:

“Il crollo del Key Bridge è senza dubbio una delle tragedie più impegnative che abbiamo dovuto affrontare come forze dell'ordine. Insieme ai nostri partner locali, statali e federali per la pubblica sicurezza, non ci arrenderemo. Le famiglie stanno ancora aspettando. Noi hanno ritrovato la persona amata. Vi assicuro che ci impegniamo a portare la pace a ciascuna di queste famiglie. Siamo pienamente impegnati.”

Si legge in un comunicato stampa diffuso dall'ufficio del sindaco:

“Questa sera, il Comando Unificato ha annunciato che i sommozzatori sono riusciti a riportare a casa dalla sua famiglia uno dei lavoratori scomparsi, Manor Yasir Suazo-Sandoval. Sono confortato e addolorato nel sapere che questo ci avvicina di un passo alla chiusura. Il mio cuore piange a tutti coloro che ancora aspettano con ansia i loro cari. Siate con le famiglie e abbiate la forza di sostenere queste famiglie e fornire loro tutto ciò di cui hanno bisogno durante questa tragedia inimmaginabile.”

La scoperta è avvenuta lo stesso giorno in cui il presidente Joe Biden ha assistito in prima persona agli sforzi per ripulire il “pasticcio disintegrato” dai resti del crollato Francis Scott Key Bridge a Baltimora, con gru, navi ed equipaggi subacquei che cercavano di riaprirne uno. Principali linee di navigazione del paese.

READ  L'immagine del boss di Wager Yevgeny Prigozhin in mutande è trapelata

La Casa Bianca ha detto che il presidente ha incontrato le famiglie delle persone uccise vicino al ponte.

SOPRA IL VIDEO: Il presidente Biden parla a Baltimora

A bordo del Marine One, circondato da una massa di resti metallici mutilati e attrezzature da costruzione e di salvataggio, Biden ha avuto la sua prima visione ravvicinata della devastazione mentre cercava di rimuovere i detriti dal crollo della scorsa settimana. A terra, ha ricevuto briefing da funzionari locali, dalla Guardia costiera statunitense e dal Corpo degli ingegneri dell'esercito sulla situazione dell'acqua e sulle sue implicazioni per la regione.

“Sono qui per dire che il vostro Paese vi copre le spalle, e lo dico sul serio”, ha detto Biden dal lungomare affacciato sul ponte crollato. “La vostra nazione vi copre le spalle… il danno è devastante e i nostri cuori sono ancora spezzati.”

Video qui sotto: Osservazioni di tutti i leader del Maryland davanti al presidente Biden

Questo contenuto è stato importato da YouTube. Puoi trovare lo stesso contenuto in un formato diverso o trovare maggiori informazioni sul loro sito web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *