Terremoto in Turchia: una nuova scossa di assestamento intrappola le persone tra le macerie

  • Laura Picker in Hatay, Anna Foster in Adana e Oliver Slow a Londra
  • notizie della BBC

Titolo del video,

GUARDA: Il filmato di Dashcam mostra il momento del nuovo terremoto in Turchia

I soccorritori stanno nuovamente cercando le persone intrappolate tra le macerie dopo che un altro terremoto in Turchia ha ucciso almeno sei persone.

Un terremoto di magnitudo 6,4 ha colpito vicino alla città di Antakya, vicino al confine con la Siria, il 6 febbraio, quando forti terremoti hanno devastato entrambi i paesi.

I precedenti terremoti in Turchia e Siria hanno ucciso 44.000 persone e lasciato decine di migliaia di senzatetto.

Gli edifici indeboliti dal terremoto sono crollati lunedì in entrambi i paesi.

L’Agenzia turca per i disastri e le emergenze afferma che il terremoto di magnitudo 6.4 ha colpito alle 20:04 ora locale (17:04 GMT) a una profondità di 10 km (6,2 miglia).

Questa è stata seguita tre minuti dopo da una scossa di assestamento di 5,8 seguita da 31 scosse di assestamento.

Il ministro della Sanità, Fahrettin Koca, ha dichiarato che 294 persone sono rimaste ferite, di cui 18 in modo grave.

Si ritiene che il bilancio delle vittime questa volta sia relativamente basso poiché il terremoto ha colpito un’area che era in gran parte deserta dopo essere stata gravemente colpita dal terremoto del 6 febbraio.

Rapporti dalla città di Antakya parlavano di paura e panico nelle strade mentre ambulanze e squadre di soccorso cercavano di raggiungere le aree più colpite dove erano crollati i muri degli edifici gravemente danneggiati.

“Pensavo che la terra si sarebbe spaccata sotto i miei piedi”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters Muna al-Omar, residente locale, mentre piangeva tenendo in braccio suo figlio di sette anni. Era in una tenda in un parco nel centro della città quando si è verificata la nuova scossa.

Ali Maslam, 18 anni, ha detto all’agenzia di stampa AFP che stava cercando i corpi dei membri della famiglia di precedenti terremoti quando si sono verificati gli ultimi terremoti.

“Non sai cosa fare… Ci siamo tenuti l’un l’altro e davanti a noi i muri hanno iniziato a crollare”, ha detto.

didascalia dell’immagine,

I soccorritori lavorano in un edificio crollato a Haday, in Turchia

didascalia dell’immagine,

Antakya, la capitale della provincia turca di Hatay, è stata una delle più colpite dal terremoto del 6 febbraio.

Nella città di Adana, le persone sono state portate in un centro di pallavolo che era stato convertito in un centro di recupero dopo il primo terremoto dopo il recente terremoto.

I funzionari hanno detto alla BBC che credono che 600 persone possano essere arrivate durante la notte, alla ricerca di un robusto edificio al piano terra in cui rifugiarsi.

Quando il terremoto ha colpito, secondo quanto riferito, le persone sono corse per le strade senza riparo, riflettendo il fatto che una paura significativa persisteva ancora due settimane dopo il disastro iniziale.

In Siria, 470 persone sarebbero state ricoverate dopo le scosse di lunedì, avvertite anche in Egitto e Libano.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha annunciato lunedì 100 milioni di dollari (83 milioni di sterline) in aiuti umanitari durante una visita in Turchia, affermando che gli Stati Uniti aiuterebbero il terremoto “per tutto il tempo necessario”.

È stato uno dei tanti paesi che hanno offerto il loro aiuto dopo il primo terremoto.

Se desideri parlare con un giornalista della BBC, includi un numero di contatto. Puoi contattarci anche attraverso le seguenti modalità:

Se non riesci a leggere questa pagina e vedere il modulo, dovresti visitare la versione mobile del sito Web della BBC per inviare la tua domanda o commento o inviarci un’e-mail a HaveYourSay@bbc.co.uk. Si prega di includere il proprio nome, età e posizione in ogni invio.

READ  All'interno del commercio di Patrick Kane: come è andato giù e perché i Blackhawks hanno ottenuto così poco in cambio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *