La Corte Suprema sull'immunità di Donald Trump: spiegati i momenti chiave

WASHINGTON (AP) – Si è parlato di attacchi di droni e corruzione presidenziale, si è parlato di un potenziale governatore “per secoli” e dei Padri Fondatori. La corsa presidenziale non è stata menzionata ma non è lontana dalla mente.

La Corte Suprema ha ascoltato argomentazioni per oltre 2 ore e mezza sulla questione chiave Se l’ex presidente Donald Trump sia immune da procedimenti giudiziari È stato accusato in un caso Cospirazione per sovvertire le elezioni presidenziali del 2020.

Sebbene i giudici sembrassero probabilmente respingere la richiesta di immunità totale di Trump, sembrava che potesse ancora beneficiare di un lungo rinvio del processo oltre le elezioni di novembre.

Guarda alcuni dei tanti momenti importanti:

“Una regola per i secoli”

Il giudice Neil Gorsuch ha espresso preoccupazione per il fatto che i pubblici ministeri o gli oppositori politici possano avere secondi fini nel perseguire i rivali politici. Michael Drieben, un avvocato del team del consigliere speciale Jack Smith, ha risposto che questo timore non era applicabile in questo caso.

“Lo apprezzo”, ha detto Gorsuch. “Ma apprezzi anche il fatto che stiamo scrivendo un destino per i secoli.”

Altri giudici non sono stati meno nobili nel descrivere la posta in gioco storica del caso e il potenziale per un precedente che avrebbe resistito alla prova del tempo oltre Trump. Ai giudici conservatori, questo approccio sembrava un modo per mettere da parte i fatti dell’impeachment di Trump, uno sfacciato abuso del potere di impeachment, e concentrarsi invece sulla sostanza delle sentenze dei tribunali in casi che non sono ancora stati incriminati – ma che teoricamente potrebbero essere .

“Questo caso ha enormi implicazioni, a mio avviso, per la presidenza, per la presidenza e per il futuro del Paese”, ha affermato George W. ha detto Brett Kavanagh, un nominato da Trump che ha prestato servizio alla Casa Bianca di Bush. Il presidente è visto come il fedele guardiano del potere.

In sintesi, la corte era più interessata al futuro che al presente poiché contemplava il giudizio a venire. Insieme alle frequenti invocazioni dei padri fondatori della nazione, vi furono numerose invocazioni storiche.

READ  Le azioni asiatiche scendono sui timori da falco di rialzi della banca centrale

Nessuna parola è stata detta

Nelle argomentazioni non vi è alcun riferimento a “novembre”. Non per “2024”. Il nome di Trump non è stato nemmeno pronunciato, soprattutto nel contesto del titolo formale dei casi giudiziari.

Tuttavia, le elezioni del 2024 rappresentano senza dubbio il proverbiale elefante nella stanza e, in questo senso, le parole non dette hanno fatto quasi altrettanto rumore.

Sullo sfondo dell'udienza di giovedì c'era il tacito riconoscimento che la corte sta aiutando a determinare non solo se Trump è immune dall'azione giudiziaria, ma anche se può essere processato prima del voto.

La scomoda realtà per l’agenzia, che dovrebbe essere considerata un attore politico, è che la decisione di scrivere a fine giugno o inizio luglio sta portando il tribunale di grado inferiore a fare più analisi su quali azioni Trump potrebbe essere immune. Perché il processo può essere rinviato a dopo le elezioni.

Drieben è stato attento a non trascurare le conseguenze della decisione della corte sulle elezioni e a non spingere per un verdetto rapido per scopi politici.

Il riferimento più vicino alle elezioni, anche se ancora indiretto, è venuto dal giudice Amy Coney Barrett, che a un certo punto ha detto a Treepan: “Il procuratore speciale ha espresso una certa preoccupazione riguardo al ritmo e alla volontà di andare avanti”.

Vuoi più lavoro?

Sebbene la corte sia apparsa molto scettica nei confronti del tentativo di Trump di archiviare il caso, diversi giudici hanno suggerito che il caso venisse rinviato per ulteriori battaglie legali prima del processo.

Una simile sentenza ritarderebbe il processo fino a dopo le elezioni. Sarebbe una vittoria per Trump perché se sconfiggesse il presidente Joe Biden a novembre, potrebbe ordinare al suo nuovo procuratore generale di archiviare il caso o concedergli la grazia.

Barrett e altri hanno ripetutamente cercato di discutere con l'avvocato di Trump e con il team di Smith se le azioni addotte nell'atto d'accusa siano atti ufficiali – e quindi immuni da procedimenti giudiziari – in contrapposizione ad atti privati.

READ  Il telescopio Webb scopre galassie sorprendentemente massicce dell'universo primordiale

Mentre il Presidente della Corte Suprema John Roberts ha chiarito la sua opposizione alle richieste di immunità totale di Trump, ha affermato di avere “preoccupazioni” per una precedente sentenza della corte d’appello che ha respinto le argomentazioni sull’immunità di Trump, ma non ha offerto un’analisi dettagliata se ciò sia applicabile. Le accuse possono essere ufficiali o personali.

La corte di grado inferiore, ha detto Roberts, sembra aver semplicemente affermato che “un ex presidente può essere citato in giudizio perché è stato citato in giudizio”.

“Perché non lo rimandiamo alla corte d'appello o emettiamo un parere che chiarisca che non è la legge?” chiese Roberts a Dreyben.

La squadra di Smith ha detto alla corte che, anche se avesse riscontrato un certo livello di immunità per gli atti ufficiali, l'accusa conteneva atti privati ​​sufficienti – come il falso schema di presentazione degli elettori – da giustificare un processo immediato.

“Il presidente non ha alcun ruolo nella certificazione del vincitore delle elezioni presidenziali”, ha detto Drieben. “Quindi è difficile per me capire come possa esserci una seria questione costituzionale nel dire: 'Non puoi usare la frode per sconfiggere quell'atto, non puoi impedirlo imbrogliando, non puoi privare milioni di elettori del diritto di voto.'

Giudici da tenere d'occhio

I giudici liberali sembravano schierarsi con la squadra di Smith nel decidere che il processo dovesse andare avanti, affermando che l'argomentazione di Trump ha ribaltato la costituzione.

“Gli autori della Costituzione non hanno messo una clausola di eccezione. Sanno come farlo”, ha detto il giudice Elena Kagan. “E, sai, non sorprende che si siano opposti a un monarca che affermava di essere al di sopra della legge. Il punto non era forse che il presidente non era un monarca, e il presidente non dovrebbe essere al di sopra della legge?

Nel frattempo, Kavanagh e il collega conservatore Samuel Alito sono apparsi più ricettivi alle affermazioni di Trump.

Ma alla fine, la questione potrebbe ricadere su Roberts, che a un certo punto si è chiesto se il caso potesse andare avanti se gli atti ufficiali fossero stati cancellati dall'accusa, dicendo che così facendo si creerebbe uno “sgabello con una gamba sola”.

READ  Le azioni asiatiche sono ombrose mentre le banche affrontano lo stress da insolvenza

Le domande sfumate di Barrett suggerivano che fosse un'altra da tenere d'occhio.

Barrett, nominato da Trump, ha detto che gli ex presidenti potrebbero essere citati in giudizio per azioni personali, secondo l'avvocato di Trump D. Concordo John Sawyer. Sauer ha riconosciuto che parte del comportamento di Trump in merito alle elezioni del 2020 non era un atto ufficiale del presidente.

Trump “si è rivolto a un avvocato privato disposto a diffondere consapevolmente false accuse di frode elettorale per avanzare le sue sfide ai risultati elettorali. Privato?” chiese Barrett a Sauer.

“Mi sembra una cosa personale,” rispose.

Ipotetici a bizzeffe

Naturalmente, i giudici hanno insistito sui pubblici ministeri sulle effettive azioni dell’accusa, volendo sapere quali passi ha intrapreso Trump nel suo tentativo fallito ma frenetico.

Ma gli scenari ipotetici abbondavano, e non sorprende che i giudici e i tribunali in genere mettano alla prova i limiti estremi delle argomentazioni degli avvocati quando decidono come tracciare una linea.

Senza immunità, il presidente George W. Sawyer ha lasciato aperta la porta all'impeachment di Bush “per aver presumibilmente mentito al Congresso per alimentare la guerra in Iraq” e a Biden per “aver favorito gli immigrati clandestini nel paese per le sue politiche sui confini”.

Roberts se ne andò per vedere se il presidente potesse essere citato in giudizio per aver corrotto l'ambasciatore.

È andata così. Che ne dici di vendere i segreti nucleari a un nemico straniero? Kagan voleva sapere. Un attacco di droni contro un cittadino americano all'estero autorizzato dall'allora presidente Barack Obama? chiese Kavanagh.

Un'ipotesi particolarmente sorprendente è venuta da Alito, che ha sollevato la possibilità che un presidente uscente che teme l'impeachment mentre lascia l'incarico possa tentare di rimanere in carica nonostante abbia perso una corsa molto combattuta, creando un ciclo che “mina il funzionamento del nostro Paese come democrazia. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *