Dow guadagna per il 7° giorno consecutivo mentre l’S&P 500 risale sopra quota 5.200

La scorsa settimana, i tassi ipotecari sono scesi per la prima volta in un mese, con il tasso del mutuo fisso a 30 anni che ha toccato il 7,09%.

Rebecca Chen di Yahoo Finance riferisce:

La recente volatilità dei tassi – incluso il calo del 7,22% di questa settimana e il costante aumento del mese scorso – ha spinto alcuni istituti finanziari a rivedere le loro prospettive sui mutui per il resto del 2024.

“Un ambiente in cui i tassi sono costantemente al di sopra del 7% sta danneggiando sia i venditori che gli acquirenti. Molti potenziali venditori sono riluttanti a mettere in vendita le loro case e i loro quartieri con bassi tassi ipotecari negli anni precedenti, il che influisce negativamente sull’offerta e fa salire i prezzi delle case”, ha affermato Sam Kather . Il capo economista di Freddie Mac “Questi prezzi elevati delle case si aggiungono alle sfide generali di accessibilità che devono affrontare i potenziali acquirenti in questo contesto di tassi elevati”.

I forti dati economici e l’inflazione persistente hanno spinto gli esperti del settore immobiliare a rivedere le loro previsioni su dove arriveranno i tassi entro la fine del 2024.

Fannie Mae, il gigante dei mutui sostenuti dal governo, ha aumentato le sue previsioni di fine anno al 6,4% dal 5,9% di inizio anno.

“Le nostre… previsioni includono due tagli dei tassi di interesse della Fed di 25 punti base”, ha detto a Yahoo Finance Douglas Duncan, capo economista di Fannie Mae.

La Federal Reserve ha mantenuto stabile il tasso dei fondi federali la scorsa settimana. Nel frattempo, i tassi ipotecari – influenzati dal benchmark della banca centrale – sono aumentati del 7% nelle ultime tre settimane.

READ  Le Nazioni Unite esortano i lavoratori afghani a restare a casa dopo che i talebani hanno vietato alle donne di lavorare nell'organizzazione

Per raggiungere o avvicinarsi alle previsioni riviste, la spesa per consumi personali (PCE) – la misura dell’inflazione preferita dalla Fed – dovrebbe scendere al di sotto del 2% per almeno tre mesi, ha affermato Duncan. L’ultimo PCE core ha guadagnato il 2,8% a marzo.

La National Association of Realtors (NAR) prevede ora che i tassi medi si stabilizzino 6,5% entro fine annoAdattato da 6,3% previsto a inizio anno.

“La Federal Reserve ha ritardato i tagli dei tassi”, ha affermato Lawrence Yun, capo economista della NAR. “In questo momento, avrei pensato che i tassi sarebbero stati più bassi e che sarebbero iniziati i tagli. Qualunque taglio dei tassi non farà la Federal Reserve quest’anno sarà rinviato al 2025. Chiedono un taglio dei tassi a settembre, ma noi ‘vedrò.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *