Guerra Israele-Hamas: ai palestinesi è stato ordinato di evacuare parti di Rafah

GERUSALEMME (AP) – Lunedì l’esercito israeliano ha ordinato di iniziare l’evacuazione di circa 100.000 palestinesi dalla città meridionale. Rafa a GazaUn’invasione di terra promessa da tempo è imminente e complica ulteriormente gli sforzi per mediare un cessate il fuoco, il che implica ciò.

Attività incombenti a Rafah, che ospita più di 1 milione di palestinesi e un alto numero di vittime. Lanciato l’allarme globale E i più stretti alleati di Israele hanno messo in guardia contro ciò. Lunedì l’agenzia delle Nazioni Unite al servizio dei rifugiati palestinesi ha dichiarato che non rispetterà l’ordine di evacuazione.

Israele ha descritto Rafa come l’ultimo notevole Roccaforte di Hamas dopo sette mesi di guerraHa ripetutamente affermato che l’invasione era necessaria per sconfiggere il gruppo militante islamico che ha scatenato l’attuale conflitto con un attacco contro Israele il 7 ottobre.

Ma Hamas e il principale mediatore, il Qatar, hanno messo in guardia contro un’invasione di Rafah, che confina con l’Egitto. I tentativi possono essere contrastati ad un cessate il fuoco mediato da mediatori internazionali.

Il tenente colonnello Nadav Shoshani, portavoce dell’esercito, ha detto che a circa 100.000 persone è stato ordinato di recarsi nella vicina zona umanitaria dichiarata da Israele. Sei un fumatore – Un campo improvvisato lungo le file di tende dove centinaia di migliaia di palestinesi sono fuggiti per mettersi in salvo e vivono in condizioni terribili.

Shoshani ha detto che Israele si sta preparando per una “operazione a scopo limitato” e non ha voluto dire se si trattasse dell’inizio di un’invasione più ampia della città. Israele non ha formalmente annunciato la continua invasione di terra di Gaza.

Nella notte, il Ministro della Difesa Yoav Gallant ha detto al Segretario della Difesa statunitense Lloyd Austin che Israele non aveva altra scelta se non quella di agire a Rafah.

Domenica, Hamas ha lanciato un attacco missilistico mortale dalla zona di Rafah che ha ucciso quattro soldati israeliani; Shoshani non ha detto se l’imminente mossa fosse una risposta.

READ  Vincitori del Tony Award 2023: Aggiorna la lista

Ha detto che Israele ha pubblicato una mappa della zona di evacuazione e gli ordini sono stati emessi attraverso volantini aerei, messaggi di testo e trasmissioni radiofoniche. Ha detto che Israele ha esteso gli aiuti umanitari a Muwasi, inclusi ospedali da campo, tende, cibo e acqua.

L’esercito israeliano ha dichiarato sulla piattaforma di social media X che agirà “con estrema forza” contro i militanti e ha esortato le persone a partire immediatamente per la loro sicurezza.

Jan Egeland, segretario generale del Consiglio norvegese per i rifugiati, ha condannato l’ordine di evacuazione “forzata e illegale” e l’idea che le persone debbano andare a Muvasi.

“Questa zona è già sovraffollata e senza servizi vitali”, ha detto Egeland.

Circa 1,4 milioni di palestinesi – più della metà della popolazione di Gaza – sono intrappolati a Rafah e nei suoi dintorni. La maggior parte di loro è fuggita dalle proprie case in altre parti del territorio per sfuggire agli attacchi israeliani.

Vivono in tendopoli densamente popolate, in rifugi stracolmi delle Nazioni Unite o in appartamenti sovraffollati, e fanno affidamento sugli aiuti internazionali per il cibo, con sistemi sanitari e infrastrutture mediche paralizzati.

Dopo che i palestinesi di Rafah hanno ricevuto i volantini, le persone si sono riunite per discutere le loro opzioni.

“Molte persone sono state sfollate qui e ora devono tornare indietro, ma nessuno resta qui e non è sicuro”, ha detto al telefono Nidal Aljanin all’Associated Press.

Alsanin, padre di cinque figli, lavora per un gruppo umanitario internazionale ed è fuggito a Rafah da Beit Hanoun, nel nord, all’inizio della guerra. Ha detto che la gente è preoccupata per quello che hanno detto i palestinesi Licenziato durante precedenti evacuazioni. Israele ha negato di aver sparato sui civili.

Alzanin ha detto che aveva preparato i documenti e le valigie ma che avrebbe aspettato 24 ore prima di trasferirsi ad altri. Ha detto che aveva un amico a Khan Yunis che sperava potesse montare una tenda per la sua famiglia.

READ  Nick Sorenson porta Brandon Staley ai 49ers dopo l'assunzione annunciata dalla NBC Sports Bay Area & California

L’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite che da decenni aiuta milioni di palestinesi a Gaza e in Cisgiordania, ha messo in guardia lunedì dalle conseguenze devastanti dell’offensiva di Rafah, tra cui ulteriori sofferenze e morti tra i civili. Juliet Duma, direttrice delle comunicazioni dell’agenzia, che ha migliaia di dipendenti in città, ha detto che non è stata evacuata e non ha intenzione di farlo.

Il valico egiziano di Rafah, il principale punto di transito degli aiuti a Gaza, si trova nella zona di evacuazione. Il valico è stato aperto lunedì dopo un ordine israeliano.

Una guerra è stata scatenata da uno Un attacco senza precedenti il ​​7 ottobre nel sud di Israele In cui Hamas e altri militanti hanno ucciso circa 1.200 persone, per lo più civili, e hanno preso 250 ostaggi.

Secondo i funzionari sanitari locali, più di 34.000 palestinesi sono stati uccisi nel conflitto che ne è seguito. La cifra non fa distinzione tra civili e militanti, almeno dicono i funzionari Due terzi dei morti erano bambini e donne. Ha devastato Gaza e l’80% della popolazione del territorio è fuggita in altre parti della regione costiera assediata.

Recentemente, la pressione per porre fine alla guerra è aumentata. La scorsa settimana il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ribadito che l’esercito si sarebbe spostato verso la città, mentre Stati Uniti, Egitto e Qatar premevano per un accordo di cessate il fuoco. Indipendentemente dal fatto che sia stato raggiunto un cessate il fuoco per gli ostaggi.

Lunedì Netanyahu ha accusato Hamas di “silurare” un accordo e di non essersi tirato indietro rispetto alle sue “serie richieste”. In un discorso infuocato domenica sera in occasione dell’annuale Giorno della Memoria dell’Olocausto nel paese, ha respinto le pressioni internazionali per porre fine alla guerra, affermando che “se Israele è costretto a restare da solo, Israele resterà da solo”.

Un funzionario di Hamas ha detto all’Associated Press che Israele sta cercando di fare pressione sul gruppo affinché faccia delle concessioni sul cessate il fuoco, ma che non cambierà le sue richieste. Hamas vuole la fine della guerra, il ritiro delle truppe israeliane da Gaza e la ricostruzione dell’area in cambio degli ostaggi israeliani tenuti dai militanti.

READ  Almeno 12 persone sono morte negli scontri in uno stadio di calcio in El Salvador

Shoshani non ha voluto commentare gli avvertimenti degli Stati Uniti di non invadere Rafah, non era chiaro lunedì. L’ordine di evacuazione è stato coordinato con l’Egitto.

L’Egitto, il partner strategico di Israele, ha detto che minaccerà una presa militare israeliana del confine tra Gaza e l’Egitto – che deve essere smilitarizzato – o qualsiasi mossa volta a spingere i palestinesi in Egitto. Un trattato di pace quarantennale con Israele.

Lunedì pomeriggio si è potuto vedere del fumo salire da Rafah, anche se la causa non era chiara. Nelle ultime settimane Israele ha effettuato diversi attacchi aerei nella regione ma non ha inviato truppe di terra.

Un’offensiva di Hamas proveniente dalla zona domenica ha costretto alla chiusura del principale valico di frontiera israeliano per ricevere aiuti, ma altri punti di attraversamento rimangono operativi, hanno detto i funzionari, senza influenzare la quantità di aiuti che arrivano a Gaza.

A Rafah, lunedì mattina, le persone hanno ricevuto volantini in arabo, che dettagliavano quali quartieri evacuare e informavano che i servizi di assistenza sarebbero stati disponibili in altre città.

“L’IDF sta agendo con forza contro le organizzazioni terroristiche nell’area in cui vivete attualmente”, ha detto l’esercito nell’ordine di evacuazione rivolto ai residenti. “Chiunque nella zona sta mettendo a rischio se stesso e i propri familiari.”

Ma alcuni dicono che sono troppo stanchi e incapaci di fuggire di nuovo dopo mesi di distruzione.

Sahar Abu Nahel è fuggito a Rafah con 20 membri della sua famiglia.

“Dove andrò? Non ho soldi o altro. Sono molto stanca come i (miei) figli”, ha detto, asciugandosi le lacrime dalle guance. “Forse è più onorevole per noi morire. Siamo umiliati”, ha detto.

___

Mroue riferisce da Beirut.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *