Il vulcano islandese è vicino a Grindavik in una nuova eruzione

  • Di Kathryn Armstrong
  • notizie della BBC

Titolo del video,

Vedi: Il vulcano islandese erutta lava sulla penisola di Reykjanes

Lo stato di emergenza è stato dichiarato nel sud dell'Islanda dopo l'eruzione di un altro vulcano sulla penisola di Reykjanes, la quarta da dicembre.

Si ritiene che sia l'esplosione più potente mai vista. I media locali hanno riferito che la lava aveva raggiunto le difese orientali intorno alla città di Grindavik, dove era stata espulsa.

Le persone sono state spostate anche dalla vicina Laguna Blu, una delle attrazioni turistiche più famose dell'Islanda.

Lo spazio aereo dell'Islanda rimane aperto. Una grande bocca vulcanica erutta fumo.

Secondo il servizio di protezione civile del paese, l'eruzione è iniziata alle 20:00 ora locale (20:00 GMT) di sabato, a nord di Grindavik.

È lo stesso luogo del vulcano che è iniziato l'8 dicembre.

Le riprese dell'eruzione hanno mostrato nuvole di fumo e magma incandescente che fuoriuscivano e ribollivano dalle prese d'aria della Terra.

L'esplosione non ha colpito il principale aeroporto internazionale, situato a nord-ovest di Grindavik.

Il geofisico Magnus Tumi Gudmundsson, uno di coloro che hanno sorvolato le aree colpite in elicottero, ha detto ai media locali che l'eruzione di sabato è stata la più potente mai vista finora.

Due flussi vulcanici si muovono verso ovest e sud. I media locali hanno riferito che quest'ultima lava aveva raggiunto le mura di difesa orientali di Grindavik.

Gudmundsson ha affermato che è possibile che la lava scorra verso il mare, ma ciò non accadrebbe se l’attività vulcanica si attenuasse.

Einar Bessi Gestsson, esperto di disastri naturali presso l'Istituto meteorologico norvegese, ha dichiarato all'emittente pubblica islandese RUV che il contatto della lava con l'acqua di mare potrebbe causare gas pericolosi e piccole esplosioni.

Nel frattempo, la lava scorre verso ovest in direzione della Laguna Blu e della centrale geotermica che fornisce acqua calda a gran parte della penisola di Reykjavík.

L’Ufficio meteorologico islandese ha affermato che il flusso di lava è stato “significativamente più ampio” rispetto a febbraio, quando la lava scorreva nella stessa direzione dell’eruzione precedente.

Intorno ad entrambi sono state costruite diverse barriere protettive, ha detto a Reuters Rikke Pedersen, capo del Centro nordico di vulcanologia con sede a Reykjavík.

Si teme che i cavi in ​​fibra ottica lungo la strada possano essere danneggiati, interrompendo i servizi telefonici e Internet.

La Laguna Blu resterà chiusa a scopo precauzionale fino a nuova comunicazione. C'erano 500-600 persone nella zona quando è avvenuta l'esplosione sabato, ha detto la Pedersen.

Sono state rimosse anche da cinque a dieci case a Grindavik.

I circa 4.000 residenti della città sono stati autorizzati a tornare alle loro case un mese fa, dopo che un'eruzione di gennaio ha inviato magma nella città, distruggendo tre case.

La maggior parte di loro ha scelto di non tornare.

L'Islanda ha 33 sistemi vulcanici attivi e si trova al confine tra le due placche tettoniche più grandi del pianeta, note come Dorsale Medio Atlantica.

L’ultima attività vulcanica sulla penisola di Reykjanes risale a 800 anni fa – e le eruzioni continuarono per decenni.

Questa è ora la settima eruzione dal 2021 e gli scienziati ritengono che la regione stia entrando in una nuova era vulcanica che potrebbe durare decenni o addirittura secoli.

fonte dell'immagine, Belle foto

didascalia dell'immagine,

Lo skyline di Reykjavík diventa arancione a causa della lava che scorre dalle fessure causate dalle eruzioni vulcaniche.

READ  Dow Jones rompe il supporto mentre il presidente Biden fa questa mossa per il tetto del debito; Elon Musk afferma che Tesla lo "proverà".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *