La guardia costiera cinese ha sparato con i cannoni ad acqua una nave filippina pochi giorni dopo che gli Stati Uniti avevano appoggiato Manila nelle acque contese.

Forze armate delle Filippine

Un fermo immagine da un video diffuso dalle Forze Armate delle Filippine.


Hong Kong
CNN

Sabato la guardia costiera cinese ha utilizzato cannoni ad acqua contro imbarcazioni filippine in un'area contesa del Mar Cinese Meridionale, l'ultimo di una serie di scontri marittimi tra i due paesi.

Lo scontro arriva pochi giorni dopo che il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha ribadito l’impegno di Washington a proteggere l’accesso delle Filippine al vasto corso d’acqua rivendicato dalla Cina, alimentando negli ultimi anni crescenti conflitti con i suoi vicini.

Le forze armate delle Filippine (AFP) hanno affermato che un video dell'incidente mostrava una nave civile filippina che subiva “gravi danni” a causa del cannone ad acqua.

Anche l'AFP Accusato La guardia costiera cinese esegue una “manovra pericolosa” sulla prua della nave di rifornimento prima di usare i cannoni ad acqua.

La Cina ha successivamente installato barriere galleggianti per “impedire qualsiasi ulteriore ingresso di navi”, ha affermato.

La nave della guardia costiera filippina è stata “intercettata e circondata” da una nave della guardia costiera cinese e da due navi “combattenti marittime” cinesi, tagliandola fuori dalla nave dei rifornimenti, ha detto l'agenzia.

“La nave è stata isolata dalla nave di rifornimento a causa del comportamento sconsiderato e provocatorio delle forze marittime cinesi, che hanno ignorato la Convenzione sulle norme internazionali per la prevenzione dei conflitti in mare”, ha detto il portavoce della guardia costiera filippina Jay Darilla. Posta Nell'X.

Pechino e Manila si contendono da tempo il secondo Thomas Shoal, che si trova a circa 200 chilometri (125 miglia) al largo dell'isola filippina di Palawan. Negli anni '90 il PRP filippino incagliò sulla secca la Sierra Madre, una vecchia nave da trasporto navale risalente alla Seconda Guerra Mondiale. La nave è ora in gran parte un relitto arrugginito ed è stata dismessa dalla Marina filippina.

READ  Kung Fu Panda 4, Dune 2 Sconfiggi Artù il Re

Gli ultimi scontri si sono verificati quando le Filippine hanno cercato di rifornire le forze sulla Sierra Madre.

L'AFP ha riferito che una delle navi coinvolte nell'operazione non è stata in grado di continuare la sua rotta, ma ha riconquistato con successo la Sierra Madre.

UN Posta Sul social media cinese Weibo, la guardia costiera cinese ha affermato di aver adottato “misure di controllo conformi alla legge” contro le navi filippine, che, a suo dire, erano “entrate illegalmente nelle acque adiacenti al Renai Reef”.

Renai Reef è il nome cinese del secondo Thomas Shoal, mentre le Filippine si riferiscono a Ayung's Shoal.

L'ultimo scontro è avvenuto quattro giorni dopo che il segretario di Stato Blinken ha dichiarato in una conferenza stampa a Manila che gli Stati Uniti hanno un “impegno di ferro” a proteggere le Filippine nel Mar Cinese Meridionale.

Intervenendo in una conferenza stampa congiunta con le Filippine, Blinken ha affermato che gli alleati condividono una preoccupazione per le azioni della RPC (Repubblica popolare cinese) che minacciano la nostra visione comune di una regione indo-pacifica libera e aperta, compreso il Mar Cinese Meridionale. e nella zona economica esclusiva delle Filippine”.

Un trattato di mutua difesa firmato nel 1951 che vincola Washington a difendere Manila dagli attacchi è “corazzato di ferro” e “si estende ad attacchi armati ovunque da parte delle forze armate filippine, delle navi generali e degli aerei, compresa la guardia costiera”, ha detto Blinken. Nel Mar Cinese Meridionale.”

UN Conflitto Due settimane fa, una nave della guardia costiera cinese ha utilizzato un cannone ad acqua su una barca filippina, frantumandone il parabrezza e ferendo quattro marinai.

READ  Guerra di Gaza: nave di pronto soccorso lascia Cipro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *