Biden ha chiesto di triplicare i dazi sui metalli cinesi

fonte dell'immagine, Belle foto

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiesto di triplicare i dazi su alcuni prodotti in acciaio e alluminio provenienti dalla Cina.

Si tratta dell’ultima politica protezionistica adottata da Biden nella sua campagna per la rielezione contro Donald Trump, noto per la sua dura posizione commerciale nei confronti della Cina.

La Casa Bianca ha affermato che il piano mira a proteggere i posti di lavoro americani dalla concorrenza “sleale”.

La Cina ha precedentemente negato le accuse di dumping di acciaio e alluminio all’estero.

Il dumping è la vendita di un prodotto in eccesso in un altro paese a un prezzo molto basso e spesso distrugge il mercato proprio dell'industria locale per quel prodotto.

Mercoledì, parlando ai membri del sindacato United Steelworkers in Pennsylvania, il presidente ha affermato che i prezzi cinesi sono “irragionevolmente bassi” perché il governo li sta sovvenzionando in modo che “non debbano preoccuparsi di realizzare un profitto”.

“Stanno imbrogliando”, ha detto Biden. “Abbiamo visto i danni in America.”

Decine di migliaia di lavoratori dell’acciaio hanno perso il lavoro all’inizio degli anni 2000 a causa delle importazioni cinesi.

Ha detto che non permetteremo che ciò accada di nuovo.

L’ambasciata cinese negli Stati Uniti ha dichiarato di “opporsi fermamente” alle misure proposte da Biden.

Pengyu ha affermato di sperare che gli Stati Uniti collaborino con la Cina per “fermare le attività che violano le regole economiche e commerciali internazionali” e abrogare le tariffe.

Martedì il Fondo monetario internazionale ha avvertito che questo tipo di tensione geopolitica potrebbe danneggiare la crescita economica globale e spingere l’inflazione nella direzione sbagliata.

La Casa Bianca ha negato che le tariffe – che aumenterebbero l’aliquota fiscale alla frontiera da una media del 7,5% al ​​25% sulle piccole importazioni – farebbero aumentare i prezzi negli Stati Uniti.

Biden ha discusso del piano – e di altre iniziative a favore del settore manifatturiero – durante una manifestazione elettorale a Pittsburgh, una base importante per l’industria siderurgica statunitense.

Lui e Trump sono in lizza per il sostegno degli elettori della classe operaia, che probabilmente costituiranno un collegio elettorale chiave nelle elezioni di novembre.

La Casa Bianca ha affermato che indagherà sulle pratiche commerciali sleali nei settori della costruzione navale e della logistica cinese su richiesta dell’American Steelworkers Union e altri.

La Casa Bianca ha affermato che farà pressione per agire contro le aziende cinesi che evadono le tasse al confine statunitense trasportando merci attraverso il Messico.

Biden si è anche espresso contro l'acquisizione della giapponese Nippon Steel da parte della US Steel, affermando che ritiene che l'azienda dovrebbe essere di proprietà degli Stati Uniti.

Le tariffe più elevate influenzeranno le importazioni di metalli che sono oggetto di revisione nell’ambito della cosiddetta indagine 301, che si concentra sulle politiche che influenzano il commercio statunitense.

L’Organizzazione Mondiale del Commercio ha affermato che tali misure violavano le regole del commercio globale e sono state successivamente richiamate in diversi paesi.

Tali tariffe hanno segnato un cambiamento importante nell’approccio di Washington al commercio, che era stato a lungo dominato da un consenso a favore del libero mercato e del commercio.

Trump, che si autodefinisce un “fisco”, ha promesso che se rieletto sarà più aggressivo sul commercio.

Ha proposto una tassa alla frontiera del 10% su tutte le importazioni, rispetto al 60% sulle merci provenienti dalla Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *