Il noto critico del Cremlino riceve 25 anni per tradimento

Lunedì un tribunale russo ha accusato Vladimir Kara-Murza Jr. di tradimento e lo ha condannato a 25 anni di carcere per aver pubblicamente condannato la guerra di Mosca in Ucraina. Come parte dell’implacabile repressione del Cremlino contro i critici dell’invasione.

Un attivista politico e giornalista che ha accusato le autorità russe di essere sopravvissuto due volte all’avvelenamento ha respinto le accuse contro di lui come punizione per essersi opposto al presidente Vladimir Putin e le ha paragonate ai processi sotto il dittatore sovietico Joseph Stalin.

Organizzazioni per i diritti umani e governi occidentali hanno condannato il verdetto e ne hanno chiesto il rilascio. Amnesty International ha dichiarato il 41enne prigioniero di coscienza.

Kara-Murza ha risposto con calma mentre il giudice leggeva il verdetto e la sentenza all’unisono. Il suo avvocato, Maria Esmont, lo ha poi citato dicendo: “La mia autostima è aumentata: mi rendo conto di aver fatto tutto bene. Venticinque anni sono il massimo merito che posso ottenere per quello che ho fatto e in cui credo come cittadino, come patriota, come politico.

La moglie di Kara-Murza, Evgenia, che vive negli Stati Uniti con i loro tre figli, ha twittato dopo il verdetto: “Un quarto di secolo è un ‘A+’ per il tuo coraggio, coerenza e integrità nei tuoi anni di lavoro. Sono infinitamente orgoglioso di te, amore mio, e sono sempre al tuo fianco.

Le accuse contro Kara-Murza, una doppia cittadina russo-britannica che è dietro le sbarre dal suo arresto un anno fa, derivano dal suo discorso del marzo 2022 alla Camera dei rappresentanti dell’Arizona in cui condannava l’invasione russa dell’Ucraina. Parlare all’estero.

“Ci sono milioni di persone nel mio paese che fondamentalmente rifiutano e sono fondamentalmente in disaccordo con tutto ciò che il regime di Putin rappresenta e rappresenta, dagli abusi e furti agli abusi, alla repressione e ai crimini contro l’umanità”, ha detto Kara-Murza in un discorso di 17 minuti a parlamentari dell’Arizona, che ha convocato al Phoenix Committee on Foreign Relations, dove Baril ha visitato.

“È stato un vero onore testimoniare il suo coraggio quando si è rivolto alla Camera l’anno scorso”, ha dichiarato il deputato dello stato Marcelino Quiñones, un democratico e membro della minoranza della Camera. “A quanto pare questa sentenza è una parodia della giustizia in tutto il mondo”.

READ  "Godzilla X Kong" ha ottenuto ottimi risultati nel suo giorno di apertura

Alcuni giorni dopo l’invasione, la Russia ha approvato una legge che criminalizza la diffusione di “false informazioni” sui suoi militari. I funzionari hanno usato la legge per reprimere le critiche a quella che il Cremlino chiama la sua “operazione militare speciale”.

Kara-Murza è stata inizialmente accusata solo di aver diffuso “false informazioni” sui militari, ma le autorità hanno successivamente aggiunto l’accusa di lavorare in un’organizzazione “indesiderabile” – un reato penale – e tradimento.

La diffusa campagna di repressione non ha precedenti dall’era sovietica, criminalizzando di fatto la segnalazione indipendente di qualsiasi critica pubblica al conflitto e alla guerra.

Un’altra figura di spicco dell’opposizione, Ilya Yashin, è stata condannata a 8 anni e mezzo di carcere l’anno scorso con l’accusa di aver diffuso informazioni false sui militari.

Il mese scorso, un tribunale russo ha condannato un padre per post sui social media È stato condannato a due anni di carcere per aver criticato la guerra. Sua figlia di 13 anni è stata mandata in un orfanotrofio dopo aver disegnato un dipinto contro la guerra a scuola. Pochi giorni dopo, il servizio di sicurezza russo ha arrestato Ivan GershkovichCorrispondente americano del Wall Street Journal, accusato di spionaggio.

Un recente rapporto della Corte suprema russa ha rilevato che nel 2022 la corte ha ordinato ai cittadini di pagare multe 4.439 volte per aver insultato i militari, per un totale equivalente a circa 1,8 milioni di dollari, secondo il sito di notizie indipendente russo Mediazona.

Kara-Murza ha dichiarato in una dichiarazione alla fine del processo di essere stata incarcerata per “anni di lotta contro la dittatura di Putin”, le sue critiche alla guerra in Ucraina e i suoi lunghi sforzi per ottenere sanzioni occidentali contro funzionari russi coinvolti nei diritti umani . Irregolarità.

“So che verrà il giorno in cui l’oscurità che circonda il nostro paese si dissiperà”, ha detto alla corte nei commenti pubblicati sul suo account Twitter. “Questo giorno arriverà inevitabilmente come la primavera per sostituire anche il gelido inverno.”

READ  Donald Trump afferma di essere l'obiettivo di un'indagine penale di un avvocato speciale dopo le elezioni del 2020

Kara-Murza era un socio di Boris Nemtsov, il leader dell’opposizione russa e convinto critico di Putin, assassinato vicino al Cremlino nel 2015.

Nel 2011-2012, Kara-Murza e Nemtsov hanno fatto pressioni per l’approvazione del Magnitsky Act negli Stati Uniti, una legge in risposta alla morte in prigione di Sergei Magnitsky, un pubblico ministero russo che ha denunciato un piano di frode fiscale. La legge consente a Washington di imporre sanzioni economiche ai russi ritenuti violatori dei diritti umani.

Il giudice del processo a Kara-Murza, Sergei Podobrykhorov, era tra quelli sanzionati dopo aver ordinato l’arresto di Magnitsky nel 2008. Vadim Prokhorov, l’avvocato di Gara-Murza, ha affermato che Potobrykhorov aveva presentato una petizione alle autorità statunitensi nel 2018 per revocare le sanzioni contro di lui. I media russi hanno riferito che durante l’interrogatorio di Kara-Murza, Prokhorov ha chiesto due volte a Podprigorov di ricusarsi, senza alcun risultato.

Kara-Murza, Sen. John era un amico di McCain ed era un portatore di spade al suo funerale del 2018. La scelta di McCain di un avversario russo come tirapiedi è stata ampiamente vista come uno schiaffo all’allora presidente Donald Trump, che è stato spesso criticato dal senatore per avere un rapporto intimo con Putin. Kara-Murza ha lavorato con McCain per spingere le misure anti-Putin attraverso il Congresso.

Il politico e attivista è sfuggito all’avvelenamento nel 2015 e nel 2017 dopo aver accusato il Cremlino. I funzionari russi hanno negato la responsabilità.

Amnesty International ha condannato la condanna di Kara-Murza come “un altro agghiacciante esempio della sistematica repressione della società civile che si è espansa e accelerata sotto il Cremlino da quando la Russia ha invaso l’Ucraina lo scorso anno”.

Il gruppo ha dichiarato Kara-Murza prigioniero di coscienza, condannato per le sue convinzioni politiche, e ha chiesto il suo rilascio immediato e incondizionato.

Memorial, una delle organizzazioni per i diritti umani più antiche e importanti della Russia, nominata co-vincitrice del Premio Nobel per la pace 2022 insieme ai difensori dei diritti umani di Ucraina e Bielorussia, ha anche nominato Kara-Murza prigioniera politica.

Yan Rachinsky, responsabile del monumento, ha definito la frase “mostruosa” e ha affermato che riflette il timore delle critiche delle autorità e “ha segnato una differenza tra la Russia di oggi e i paesi civili”.

READ  Pubblicazione del programma NFL 2024: aggiornamenti in tempo reale prima dell'annuncio completo di mercoledì

Gli ambasciatori britannico e americano in Russia, parlando ai giornalisti sui gradini di un tribunale di Mosca, hanno chiesto l’immediato rilascio di Kara-Murza. I governi occidentali hanno condannato fermamente la punizione.

“Vladimir Gara-Murza ha coraggiosamente condannato l’invasione russa dell’Ucraina, una flagrante violazione del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite”, ha dichiarato il ministro degli Esteri britannico James Wise in una nota.

Il Ministero degli Affari Esteri ha dichiarato di aver convocato l’ambasciatore russo Andrey Kelin in relazione alla condanna. La Gran Bretagna aveva precedentemente sanzionato il capo della giustizia per violazioni dei diritti umani in un altro caso e aveva affermato che avrebbe preso in considerazione l’adozione di ulteriori misure per ritenere le persone responsabili nel caso Kara-Murza.

Il Dipartimento di Stato americano ha elogiato il leader dell’opposizione Alexei Navalny, che è stato imprigionato con Kara-Murza, Yashin e altri che “si battono coraggiosamente per i diritti umani e le libertà fondamentali e servono il loro paese e i loro concittadini a caro prezzo”. Ha rinnovato il suo appello per il rilascio di Kara-Murza e di oltre 400 altri prigionieri politici in Russia.

Il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Volker Turk ha definito la sentenza “un altro colpo allo stato di diritto e allo spazio civile nella Federazione Russa”.

Mentre Gara-Murza pronunciava il suo discorso, l’ex rappresentante dello stato dell’Arizona Caesar N. “Terribile e triste per noi che viviamo in una società libera”, ha detto Chavez.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha rifiutato di commentare.

La salute di Kara-Murza è peggiorata durante la custodia, portando allo sviluppo della polineuropatia – malattia o danno ai nervi – in entrambe le gambe, secondo i suoi avvocati.

Il procuratore Prokhorov ha detto lunedì all’emittente pubblica tedesca Deutsche Welle che il politico era stato “in sostanza condannato a morte”.

___

Segui la copertura di AP della guerra in Ucraina su https://apnews.com/hub/russia-ukraine-war

___

La scrittrice dell’Associated Press Anita Snow Phoenix ha contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *