Le borse globali sono di umore ottimista, con il dollaro aggrappato alle bancarelle

LONDRA, 11 aprile (Reuters) – I mercati azionari globali sono saliti martedì poiché i trader speravano che i tassi di interesse raggiungessero presto un picco e scendessero entro la fine dell’anno, anche se gli ultimi dati sull’occupazione negli Stati Uniti hanno supportato la tesi della Federal Reserve per un aumento a maggio.

Il commercio è stato per lo più contenuto poiché molti mercati sono stati riaperti dopo una lunga vacanza.

Le azioni europee hanno guadagnato lo 0,5% (.STOXX), i futures sulle azioni statunitensi hanno indicato un’apertura positiva di Wall Street e la blue-chip giapponese Nikkei ha registrato un rialzo di oltre l’1% (.N225).

Rafforzando la tesi per un ulteriore allentamento dell’inflazione globale quest’anno, i dati hanno mostrato che l’inflazione al consumo in Cina ha toccato il minimo di 18 mesi e il calo dei prezzi alla fabbrica si è ampliato con l’indebolimento della domanda a marzo.

Nel frattempo, il sentimento degli investitori nella zona euro è migliorato ad aprile dopo un calo a sorpresa a marzo, secondo un sondaggio.

La banca centrale della Corea del Sud ha mantenuto i tassi stabili per la seconda riunione consecutiva martedì, mentre la Banca del Canada dovrebbe lasciare i tassi invariati quando si riunirà mercoledì.

I dati sui salari non agricoli di venerdì suggeriscono che i mercati del lavoro sono resilienti, aumentando le aspettative per un aumento dei tassi statunitensi di 25 punti base (pb) a maggio. I mercati hanno circa il 70% di possibilità di un massimo di maggio, scontando una mossa simile a un lancio di valuta la scorsa settimana.

“Sembra che il mondo stia assistendo a un atterraggio morbido al momento, e non c’è bisogno di inasprire troppo la politica”, ha detto Jan van Gerich, capo analista di Nordea.

READ  Un incendio continua a bruciare giorni dopo che 2 vigili del fuoco sono morti a bordo di una nave da carico di Port Newark

“I numeri dei libri paga erano abbastanza forti da suggerire che l’economia potrebbe evitare una profonda recessione, ma non abbastanza forti da suggerire che la Fed debba stringere di più”.

Gli operatori stanno scontando tagli dei tassi entro la fine dell’anno poiché le prospettive di crescita economica si indeboliscono, esacerbate dalle turbolenze bancarie.

Un’analisi dell’ultimo World Economic Outlook del Fondo monetario internazionale prevede che gli attuali tassi elevati “probabilmente saranno temporanei” e che i tassi nelle economie avanzate torneranno alla fine ai livelli pre-pandemia se l’inflazione sarà sotto controllo.

L’ultima prospettiva economica globale del Fondo monetario internazionale sarà pubblicata più tardi martedì.

I dati sull’inflazione di marzo negli Stati Uniti di mercoledì potrebbero fornire ai mercati la prossima direzione sulle prospettive dei tassi.

“Non credo che la banca centrale alzerà di nuovo i tassi, ma la realtà è che faranno un altro aumento di 25 punti base”, ha affermato Guy Miller, chief market strategist di Zurich Insurance Group.

“Questo perché l’inflazione core è ancora a un livello elevato e il settore dei servizi è molto forte”.

Stabilità

Il sentiment degli investitori è stato rafforzato anche dai segnali di un’attenuazione delle turbolenze nel settore bancario.

I depositi presso le banche commerciali statunitensi sono aumentati per la prima volta in circa un mese alla fine di marzo, mostrando segni di stabilizzazione dopo due gravi fallimenti bancari da quando la crisi finanziaria ha scosso il sistema bancario e lasciato vacillare i depositanti, secondo i dati della Federal Reserve mostrati venerdì.

In Europa, le azioni UBS ( UPSGS.G ) sono aumentate solo dell’1% dopo che JPMorgan ha alzato il prezzo obiettivo, mentre il parlamento svizzero ha tenuto una sessione straordinaria il mese scorso per discutere l’accordo UBS-Credit Suisse.

READ  Le proteste sono scoppiate quando Israele ha approvato restrizioni su alcuni dei poteri della Corte Suprema

“La mia sensazione è che non sia finita: stiamo iniziando a sentire il dolore di questi alti tassi di interesse. E le banche potrebbero essere a posto per ora, ma il rischio di credito influenzerà ancora sia loro che l’economia”, ha detto Zurich. Miller nota il recente dolore nei mercati.

Il dollaro è stato generalmente più debole, rinunciando ad alcuni dei suoi guadagni post salariali. Era in calo dello 0,4% a 133 yen, dopo essere salito dell’1,1% lunedì. L’euro è salito dello 0,5% a $ 1,091.

Bitcoin ha toccato un nuovo massimo di 10 mesi a $ 30.438 prima di tornare a $ 30.148 dopo aver superato gli ultimi intervalli lunedì. Il token digitale era rimasto bloccato tra $ 26.500 e $ 29.400 nelle tre settimane precedenti.

In Asia, i titoli di stato giapponesi sono stati per lo più inferiori dopo che il nuovo governatore della Banca del Giappone, Kazuo Ude, si è impegnato lunedì a mantenere la politica monetaria estremamente espansiva della banca.

Il rendimento del JGB a 10 anni è sceso allo 0,445%, il minimo dal 4 aprile, dopo lo 0,465% della seduta precedente.

La maggior parte dei rendimenti dei titoli di Stato europei a 10 anni è aumentata poiché i mercati hanno recuperato l’aumento dei rendimenti statunitensi dopo i dati sull’occupazione di venerdì.

I rendimenti dei Treasury statunitensi sono scesi martedì, tuttavia, con il rendimento a due anni sensibile ai tassi in calo di 4 punti base al 3,96%.

Altrove, i prezzi del petrolio hanno ceduto i guadagni iniziali con i future sul greggio Brent che sono scesi dello 0,17% a 84,02 dollari al barile. I future sul WTI USA sono scesi dello 0,1% a 79,63 dollari.

READ  Le accuse contro madre e figlio sono cadute per la sparatoria a West Pullman

Dichiarazione di Dhara Ranasinghe; Segnalazioni aggiuntive di Selena Li a Hong Kong e Junko Fujita a Tokyo; Montaggio di Simon Cameron-Moore e Mark Heinrich

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *