Tre adolescenti arrestati in un incidente di lancio di sassi in Colorado

Arrestati tre liceali Lanciare una roccia del terreno Una donna del Colorado è stata uccisa mentre guidava fuori Denver, hanno detto le autorità mercoledì.

Alexa Bartel, 20 anni, è stata uccisa il 19 aprile a Westminster quando una roccia ha colpito il suo parabrezza mentre guidava verso nord nel blocco 10600 di Indiana Street intorno alle 22:45. Sceriffo della contea di Jefferson SpentoSonocosa sonoL’interrogatoreS.

Le autorità hanno affermato che Bartel è stata l’ultima di numerose auto “ad essere colpita da una grande frana iniziata poco dopo” vicino alla 100th Avenue e Sims Street quella notte alle 22:00.

La portavoce dello sceriffo, Jackie Kelly, ha detto ai giornalisti che i suggerimenti del pubblico e i dati del telefono cellulare sono stati fondamentali per trovare e arrestare i sospetti.

“Questo caso ha toccato profondamente molte persone”, ha detto Kelly. “Era una bellissima giovane donna che aveva tutta la sua vita in macchina davanti a sé, e la sua vita è finita a causa di queste azioni. È stato uno shock per una comunità e la gente voleva scoprire chi era coinvolto”.

Alexa Bartel.Ufficio dello sceriffo della contea di Jefferson

Incholas “Mitch” Carroll-Chick, Giuseppe König e Zachary Kwak, tutti e 18, sono stati presi in custodia nelle loro case ad Arvada, secondo il rapporto dello sceriffo.

Tutti e tre sono studenti della dodicesima elementare nelle scuole pubbliche della contea di Jefferson, ha detto Kelly. Uno frequenta la Ralston Valley High School, un altro frequenta la Standley Lake High School e un terzo è iscritto a un programma online, ha detto la portavoce.

Mercoledì non è stato possibile raggiungere immediatamente un rappresentante del distretto scolastico per un commento.

READ  Un incendio continua a bruciare giorni dopo che 2 vigili del fuoco sono morti a bordo di una nave da carico di Port Newark

Due sospetti sono stati arrestati alle 22:59 di martedì e il terzo alle 2 di mercoledì, ha detto Kelly ai giornalisti. Tutti loro vivevano con i loro genitori.

Gli investigatori dello sceriffo hanno chiamato la famiglia di Bartell intorno a mezzanotte per informarli dell’arresto.

“Sono grati”, ha detto Kelly. “Stanno ancora subendo una perdita tremenda”.

La caduta massi che ha ucciso Bartell a circa 20 miglia a nord-ovest di Denver e 10 miglia a sud-est di Boulder, hanno detto i funzionari, non è stata seguita da un incidente.

“Il sasso è passato attraverso il parabrezza di Alexa Bardell, l’ha colpita e uccisa”, ha detto mercoledì a NBC News. “Le rocce che abbiamo descritto in questa serie criminale sono tutte di dimensioni da 4 a 6 pollici e da 3 a 5 libbre a pezzo. Sono grandi rocce paesaggistiche”.

I sospetti viaggiavano su una Chevy Silverado nera del 2016, anche se non è stato immediatamente chiaro chi stesse guidando o chi abbia lanciato il sasso che ha ucciso Bartell, hanno detto le autorità.

“Crediamo che il veicolo della nostra vittima stesse viaggiando nella direzione opposta”, ha detto Kelly.

Un caso è stato registrato contro tutti e tre per sospetto Omicidio di primo grado per negligenza graveSecondo lo sceriffo.

Mentre l’omicidio di primo grado è solitamente correlato alla vittima e all’intento, lo statuto di grave negligenza del Colorado è per gli imputati che intendono uccidere qualcuno, ma non l’individuo preso di mira, ha affermato Ann England, professore di diritto medico dell’Università del Colorado.

“Se tiri fuori un AK-47 e spari contro una folla di persone, non c’è dubbio che intendevi uccidere”, ha detto England, anche se non era diretto a una persona specifica.

READ  Il New York Times sta sciogliendo il suo dipartimento sportivo

“Sarebbe difficile lanciare un sasso (ed essere accusato di omicidio di primo grado). Voglio dire, lanciare un sasso è un pericolo noto (che potrebbe uccidere qualcuno)? Se lanci un sasso contro un’auto in movimento, è ovvio che qualcuno sia morto ora, giusto?Ma prima?Non ne sono del tutto sicuro.

Non è stato immediatamente chiaro se i tre avessero assunto o nominato avvocati della difesa penale per parlare a loro nome.

Le telefonate ai numeri di telefono elencati pubblicamente per i parenti del Colorado di Koenig, Kwak e Carol-Sick non sono state restituite mercoledì.

Tutti e tre gli adolescenti avrebbero dovuto comparire in tribunale già giovedì mattina.

Kelly ha detto che può ricordare singoli incidenti di pietre o mattoni lanciati da ponti in Colorado nel corso degli anni, ma mai una tale serie di azioni sconsiderate.

“Questi sospetti hanno lanciato grosse pietre attraverso i parabrezza dei veicoli in movimento e sono andati da un posto all’altro, qualcosa che non avevamo mai visto prima”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *